Serve assistenza?
02 55 55 5
  • Facile.it
  • News
  • Nuova integrazione al Decreto Chiudi Italia: sanzioni fino a 3000 euro

Nuova integrazione al Decreto Chiudi Italia: sanzioni fino a 3000 euro

24 mar 2020 | 2 min di lettura | Pubblicato da Castiglia M.

news_news_integrazione_al_decreto_chiudi_italia_sanzioni_piu_severe

Il Consiglio dei Ministri ha dato il via libera nella serata del 24 Marzo a un nuovo decreto legge che riordina i precedenti decreti e che contiene ulteriori misure per fronteggiare la diffusione del virus Covid19.

I provvedimenti riguardano nuove possibili limitazioni allo spostamento di persone e veicoli, le relative sanzioni, eventuali chiusure di strade, oltre a nuove funzioni assegnate alle Regioni. Ogni misura adottata dal Governo verrà riferita ogni 15 giorni al Parlamento per consentire che quest’ultimo sia continuamente informato sulle azioni intraprese dall’Esecutivo.

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa seguita all’approvazione del decreto, ha chiarito che le nuove misure saranno in vigore per 30 giorni e che, in funzione dell’andamento dell’epidemia, potranno essere reiterate per ulteriori 30 giorni sino al 31 luglio 2020.

Quest’ultimo è il termine fissato nel decreto legge approvato il 31 gennaio scorso, nel quale era stato dichiarato lo stato di emergenza per 180 giorni, subito dopo che l’Oms (Organizzazione mondiale della sanità) aveva decretato l’emergenza per epidemia globale.

Il Presidente del Consiglio tuttavia ha tenuto a precisare come non vi è alcuna fondatezza relativamente all’estensione di tutte le misure in corso fino al 31 Luglio, augurandosi di rientrare alla normalità in tempi più rapidi.

A livello sanzionatorio, per coloro che trasgrediscono le norme anti-diffusione del virus è prevista una multa che va da 400 a 3.000 euro e che sostituisce la sanzione pecuniaria attualmente in vigore. Non è invece previsto il ventilato fermo del veicolo su base nazionale. Le attività commerciali che non rispettano i divieti vanno invece incontro a uno stop di 30 giorni.

Il decreto odierno regolamenta inoltre in modo lineare il rapporto tra Governo centrale e Regioni. I presidenti delle Regioni, in caso di rendesse necessario, potranno adottare, sempre nell’ambito delle proprie competenze, provvedimenti e misure anche più restrittive, pur rimanendo in capo al Governo una funzione di coordinamento e di omogeneità.

Con questa manovra il Governo integra quindi il decreto Chiudi Italia, nel pacchetto di misure per fronteggiare l'emergenza coronavirus.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968