Serve assistenza?
02 55 55 5

Riforma del lavoro, le novità in esame

29 set 2014 | 2 min di lettura | Pubblicato da Daniela D.

news_news_riforma_del_lavoro_le_novita_in_esame

Dopo il via libera fornito dalla commissione lavoro del Senato, il decreto delega sul lavoro è approdato a Palazzo Madama, all’esame dell’Assemblea. Una pioggia di emendamenti, 689, ha aperto la battaglia sui punti cruciali.

La questione senza dubbio più discussa riguarda il noto articolo 18, che nelle intenzioni del governo non dovrebbe più essere applicato per i neo assunti, sostituito da un sistema a tutele crescenti strettamente dipendenti dall’anzianità di servizio. Non è stato ancora definito il limite temporale entro il quale un lavoratore arriverebbe ad ottenere le stesse garanzie di un contratto a tempo indeterminato tradizionale. Si parla di tre anni, ma si resta in attesa dell’eventuale approvazione degli emendamenti in materia. Resta garantito per tutti il reintegro in caso di licenziamento discriminatorio. In discussione nuovi indennizzi specifici riservati ai neo assunti, per sopperire in qualche modo al deficit di tutele preannunciato.

Sulla tutela dei lavoratori è bufera sia all’interno del PD, sia al confronto con i partiti, ed è guerra aperta con i sindacati. Il segretario generale della CGIL Susanna Camusso, intervenendo all’assemblea nazionale della FIOM, ha minacciato lo sciopero generale.

Il contratto a tutele crescenti, nelle intenzioni della riforma, dovrebbe diventare la principale forma di inserimento nel mondo del lavoro, andando a sostituire altre tipologie contrattuali al vaglio del governo in vista di una decisiva semplificazione in materia.

Tra i temi in discussione vanno citati anche l’innalzamento dei limiti di reddito consentito per i lavoratori occasionali, le tutele per la maternità estese a tutte le lavoratrici e la possibilità di cedere ai colleghi in difficoltà giornate di permesso retribuito. Sono inoltre in esame una revisione alla disciplina delle mansioni e una maggiore apertura sui controlli a distanza, nell’interesse dell’impresa e nei limiti della privacy.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968