02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

RC Professionale Agenti di Commercio: preventivo online

  • 1 Compila un solo modulo
  • 2 Scopri il miglior prezzo
  • 3 Acquista online

La RC Professionale è obbligatoria?

Per i professionisti iscritti al ruolo di mediatori presso le Camere di Commercio vige l’obbligo di sottoscrivere una polizza assicurativa della Responsabilità Civile professionale ai sensi dell’art. 18 della Legge 57 del 2001.

  • Il libero professionista iscritto alla camera di commercio;
  • Lo Studio Associato di professionisti, tutto lo staff e i collaboratori del cui operato l’Assicurato è responsabile.

Cosa copre la RC Professionale Agenti di Commercio

La polizza assicurativa agenti di commercio tutela l’assicurato dagli errori o negligenze commessi durante lo svolgimento della sua attività lavorativa. Il professionista verrà infatti rimborsato per le perdite generate da richieste di risarcimento avanzate da terzi e anche per tutte le spese legali eventualmente sostenute.

Alcune delle fonti di responsabilità che possono scaturire dallo svolgimento dell’attività di Agente di Commercio sono:

  • la mancata corrispondenza di un prodotto a quello desiderato dal committente;
  • la ritardata consegna di un prodotto;
  • involontaria inottemperanza ad istruzioni dell’ azienda mandante.

Quali richieste di risarcimento copre la polizza?

L’assicurazione di tipo “claims made” prevede che siano coperte solo le richieste di risarcimento presentate contro l’assicurato durante il periodo di validità della polizza anche se l’atto illecito è stato commesso prima delle data di decorrenza dell’assicurazione, ma comunque durante il  periodo di retroattività. Una volta terminato il periodo di validità della polizza, se questa non viene rinnovata, le richieste di risarcimento presentate all’assicurazione non saranno coperte.

La retroattività illimitata è inclusa nel premio base in mancaza di circostanze note o sinistri negli ultimi 5 anni.

Esempi:

1. Il 27 agosto 2013 un agente di commercio iscrittosi 2 anni prima alla camera di commercio, sottoscrive un’assicurazione claims made comprensiva di retroattività.

L’assicurazione copre le richieste di risarcimento avanzate dal 27 agosto 2013 fino alla scadenza della polizza anche per errori commessi negli anni passati. Non saranno coperte richieste di risarcimento avanzate dopo la scadenza dell’assicurazione.

2. Il 27 agosto 2013 un agente di commercio rinnova la sua polizza claims made attivata 9 anni prima successivamente riceve una richiesta di risarcimento per un atto illecito commesso nel 2003.

L’assicurato sarà tutelato perché il periodo di retroattività coincide con gli anni garantiti.

3. Il 27 agosto 2013 un agente di commercio va in pensione e non rinnova la polizza. Dopo qualche mese riceve una richiesta di risarcimento per un atto illecito commesso a dicembre 2012.

La richiesta di risarcimento può essere accolta dall’assicurazione: la polizza infatti garantisce validità postuma se la richiesta è stata avanzata successivamente alla scadenza per eventi manifestatisi durante il periodo di validità della polizza stessa.
La validità postuma della polizza è prevista anche in caso di morte o pensionamento dell’assicurato, sempre se comunicati subito o entro 15 giorni dalla scadenza della polizza. È escluso il caso di licenziamento.

Esclusioni

Come esempio si riportano alcune delle Esclusioni generalmente previste. L’assicurazione non accoglierà le richieste di risarcimento che sono generate da:

  • atti illeciti commessi da un assicurato che non sia iscritto alla camera di commercio e che non sia autorizzato a svolgere l’attività di agente di commercio;
  • atti illeciti commessi prima dell’inizio del periodo di retroattività;
  • errori commessi di cui l’assicurato era o poteva ragionevolmente essere a conoscenza;
  • frode e atti dolosi;
  • errori ed omissioni nella stipula di contratti di assicurazione, contratti in cui l’assicurato agisce come appaltatore edile, attività di mediazione finanziaria connessa all’erogazione di mutui;
  • obbligazioni di natura fiscale , beni e prodotti venduti, insolvenza e fallimento, danni corporali o danni materiali, possesso di terreni e fabbricati, consulenza e progettazione, etc.
  • danni conseguenziali, ovvero i danni derivanti non dal comportamento diretto o indiretto dell’assicurato ma quelli delle perdite ad essi conseguenti.

I massimali sono fissati per legge dalle circolari 18 giugno 2001 e 27 marzo 2002 n.503649 come segue:

  • Euro 260.000 per le ditte individuali;
  • Euro 520.000 per le società di persona;
  • Euro 1.550.000 per le società di capitali.

La franchigia è pari a 750 Euro.

L’assicurazione vale per le attività professionali svolte nell’ Unione Europea,  Città del Vaticano e San Marino.

Accedi con Facebook... (consigliato)

Oppure
...o con la tua email

Inserisci l'indirizzo utilizzato per il preventivo. Riceverai un'email che ti permetterà di visualizzare i tuoi preventivi.

Recupera i tuoi preventivi »