02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Social lending: Bankitalia prova a regolamentare il fenomeno

pubblicato da il 22 dicembre 2016
Social lending: Bankitalia prova a regolamentare il fenomeno

Il social lending, il canale alternativo di credito che consente il prestito diretto tra privati mediante piattaforme online, si sta diffondendo a macchia d'olio anche in Italia (mentre in altri paesi, a cominciare dal Regno Unito, è già consolidato da tempo), visto che la possibilità di interagire direttamente tra domanda e offerta lasciando da parte banche e finanziarie, permette di ottenere condizioni decisamente migliori: tassi bassi per chi richiede il prestito e interessi più alti per chi presta.

Il fenomeno, essendo relativamente recente, ha goduto per qualche tempo di un vuoto legislativo,  tanto che la Banca d'Italia aveva inizialmente vietato questa nuova modalità di erogazione del credito, salvo autorizzarla in un secondo momento dopo il recepimento della direttiva europea sui servizi di pagamento, nota anche come PSD (Payment Service Directive). Qualche settimana fa Bankitalia è tornata sull'argomento emanando un provvedimento recante “Disposizioni per la raccolta del risparmio dei soggetti diversi dalle banche”, aggiungendo così un ulteriore tassello al percorso di costruzione delle regole per il social lending in Italia.

Il provvedimento entra in vigore il 1° gennaio 2017 e ha valore puramente ricognitivo: non detta nuove regole ma offre un interessante punto di vista sulla qualificazione giuridica del fenomeno P2P lending e i relativi aspetti regolamentari. Il documento, consultabile integralmente sul sito di Bankitalia, precisa tra le altre cose che l'operatività dei gestori dei portali online che svolgono attività di social lending (chiamato anche lending based crowdfunding), e di coloro che prestano o raccolgono fondi tramite i suddetti portali, è consentita solo nel rispetto delle norme che regolano le attività riservate dalla legge a particolari categorie di soggetti (attività bancaria, raccolta del risparmio presso il pubblico, concessione di credito nei confronti del pubblico, mediazione creditizia, prestazione dei servizi di pagamento, ecc.).

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€ Confronto Prestiti »
Vota la news:
Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 9 voti)

Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione, salvo per questioni contrarie alla normativa vigente.

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

Guide ai prestiti

Guide Prestiti