02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

L'inflazione continuerà ad aumentare nei prossimi mesi?

L'inflazione continuerà ad aumentare nei prossimi mesi?

Da giorni si parla di rincari di ampia portata: dall’aumento del costo carburante alle tariffe relative ad energia e gas naturale.

L’impennata riflette l’andamento dell’inflazione in Italia e nel mondo, lontana da flessioni al ribasso e destinata ad aumentare.

Facile.it, sito n.1 nel confronto di prestiti online, vi svela le proiezioni del Fondo Monetario Internazionale.

Inflazione: le previsioni a medio-lungo termine

L’inflazione aumenta e il potere di acquisto diminuisce. L’impennata che interessa ormai diversi settori, dagli idrorcarburi all’energia, porta milioni di persone in Italia e nel mondo a richiedere nuovi prestiti.

Gli aumenti hanno raggiunto il picco massimo? Sembra di no. Secondo le stime del Fondo Monetario Internazionale l’inflazione aumenterà ancora.

L’incremento si estenderà ai prossimi mesi e tornerà a livelli pre-pandemici solo a metà del 2022. Ecco i dati riportati dal Fondo Monetario Internazionale e quali saranno le conseguenze dei rincari.

L'andamento dell'inflazione nei prossimi mesi

  • A fine 2021, nei Paesi a reddito medio-elevato, il costo della vita toccherà un picco del 3,6%
  • Sempre a fine 2021, nei Paesi emergenti, l'inflazione aumenterà più rapidamente e raggiungerà un picco del 6,8%
  • Nella prima metà del 2022, nei Paesi a reddito medio-elevato l'inflazione diminuirà e tornerà al 2%
  • Nei Paesi emergenti, sempre nella prima metà del 2022, l'inflazione tonerà al 4%

Le conseguenze dell'inflazione

L'aumento dell'inflazione comporterà rincari nel settore immobiliare (aumento del costo delle case); problemi nella catena delle forniture e il deprezzamento della moneta nei Paesi emergenti.

Nondimeno, il costo della vita aumenterà anche riguardo ai generi alimentari, all'energia elettrica, al gas naturale e ai carburanti.

I governi -sostiene il Fondo Monetario Internazionale- dovranno adoperarsi per sostenere l'economia nazionale, individuare nuove coperture e strumenti per contenere gli effetti dell'inflazione.

Preventivo di prestito da 5000 euro

Younited Credit
Finanziaria: Younited Credit
Prodotto: Prestito Personale
TAN Fisso: 3,83%
TAEG: 5,85%
Durata finanziamento: 60 mesi
Importo finanziato: € 5.232
Totale dovuto: € 5.757
Rata mensile € 95,95
Agos
Finanziaria: Agos
Prodotto: Prestito Personale
TAN Fisso: 5,86%
TAEG: 7,37%
Durata finanziamento: 60 mesi
Importo finanziato: € 5.178
Totale dovuto: € 5.957
Rata mensile € 96,32
Banca Sella
Finanziaria: Banca Sella
Prodotto: Prestito Personale
TAN Fisso: 7,20%
TAEG: 7,59%
Durata finanziamento: 60 mesi
Importo finanziato: € 5.000
Totale dovuto: € 5.981
Rata mensile € 99,48
*Le tabelle riportano a titolo esemplificativo la struttura del sito. Per tutte le offerte poste in comparazione clicca sul tasto vai e ottieni tutte le informazioni necessarie per valutare la proposta adatta alle tue esigenze

Prestiti personali: ottieni fino a 60.000€ Confronto Prestiti
pubblicato da il 22 ottobre 2021

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Ultime notizie Prestiti

News Prestiti

Guide ai prestiti

  • Ritardato o mancato pagamento di una o più rate del prestito

    Ritardato o mancato pagamento di una o più rate del prestito

    Cosa succede in caso di mancato o ritardato...

  • La documentazione necessaria per ottenere un prestito

    La documentazione necessaria per ottenere un prestito

    Per ottenere un prestito sono necessari diversi...

  • Prestiti: 5 regole per scegliere il migliore

    Prestiti: 5 regole per scegliere il migliore

    Oggi l’offerta di prestiti di banche e...

Guide Prestiti

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

RECUPERO PREVENTIVI

Accedi con la tua email

Riceverai un’email che ti permetterà di fare accesso e di visualizzare i tuoi preventivi.

Accedi