02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

La crisi è passata? Secondo Confedilizia, no

pubblicato da il 2 marzo 2017
La crisi è passata? Secondo Confedilizia, no

Ancora positivo il dato di gennaio per quel che riguarda la richiesta di nuovi mutui e surroghe. L’ultima rilevazione del Sistema di informazioni creditizie Crif quantifica nell’1,8% l’aumento della domanda a gennaio 2017 rispetto allo stesso mese del 2016. Nel periodo preso in considerazione l’importo medio richiesto si attesta invece a quota 121.193 euro mentre la classe di durata del finanziamento scelta dai più è quella tra i 16 e 20 con il 23,8% delle preferenze. Buone notizie anche sul fronte delle compravendite che, secondo la nota trimestrale dell’Omi (Osservatorio mercato immobiliare) dell’Agenzia delle Entrate, hanno superato il milione di immobili (un dato che non si rilevava dal 2011), chiudendo il 2016 con un incremento del 16,4% e, più in particolare, del +18,9% per quanto riguarda il mercato residenziale. In forte rialzo (+27,3) inoltre il ricorso al mutuo ipotecario per l’acquisto della casa, così come è cresciuto l’acquisto tramite nuda proprietà (+11,5%) considerato come un vero e proprio investimento a lungo termine.

Tutti d’accordo dunque sul fatto che la crisi sia passata e che il mercato immobiliare si stia rimettendo in moto? Non proprio. Confedilizia dà infatti una lettura critica proprio dei dati presentati dall’Agenzia delle Entrate, evidenziando che nel 2016 il numero delle compravendite ha registrato una flessione del -25% rispetto al 2008, l’anno che ha preceduto la crisi finanziaria mondiale, e del -13,6% rispetto al 2011, “ultimo anno – si legge in una dichiarazione del presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa – prima dell’inizio della ipertassazione patrimoniale Imu-Tasi”.  Tassazione che, in teoria, dovrebbe però essere stata alleggerita dopo l’abolizione dell’Imu nel 2013 e della Tasi nel 2016 sulle prime case non classificate di lusso. Se la matematica non è un’opinione, a pagare pegno sono state perciò tutte le altre tipologie di immobili, a partire dalla seconda casa che, ricordiamolo, non equivale a dire che si posseggono due immobili ma solo che è una abitazione nella quale non si vive abitualmente e non si ha la residenza.

Offerte Mutuo Acquisto prima casa

  • Prodotto:MutuoNow
    Finalità:Acquisto prima casa
    Importo:€ 50.000
    Tasso:1,80% (Tasso finito)
    Tipo Tasso:Fisso
    TAEG:2,15%
    Durata:20 anni
    Costo totale:€ 59.575,93
  • Rata mensile € 248,23
  • Verifica fattibilità
  • Prodotto:Mutuo Giovani Fisso
    Finalità:Acquisto prima casa
    Importo:€ 50.000
    Tasso:1,80% (Tasso finito)
    Tipo Tasso:Fisso
    TAEG:2,21%
    Durata:20 anni
    Costo totale:€ 59.575,93
  • Rata mensile € 248,23
  • Verifica fattibilità
  • Prodotto:Hello! Home Fisso
    Finalità:Acquisto prima casa
    Importo:€ 50.000
    Tasso:1,85% (Tasso finito)
    Tipo Tasso:Fisso
    TAEG:2,05%
    Durata:20 anni
    Costo totale:€ 59.857,21
  • Rata mensile € 249,41
  • Verifica fattibilità

Annuncio Promozionale , per tutte le informazioni relative a ciascun prodotto si prega di prendere visione di Informativa Trasparenza Mutui. Tutti i prodotti presenti sul comparatore sono da considerarsi assistiti da garanzia di ipoteca sull'immobile. Foglio Informativo e Guida ai Tassi. Per verificare la soluzione adatta alle tue esigenze clicca su verifica fattibilità.

Mutuo casa: ottieni il migliore per te Calcolo rata mutuo »
Vota la news:
Valutazione media: 3,9 su 5 (basata su 7 voti)

Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione, salvo per questioni contrarie alla normativa vigente.

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Banche e finanziarie

Guide ai mutui

Guide Mutui