02 55 55 999 Lun-Sab 9.00-21.00

Consumi di energia: Italia sempre più dipendente delle fonti rinnovabili

pubblicato da il 19 novembre 2015
Consumi di energia: Italia sempre più dipendente delle fonti rinnovabili

L’Italia è sempre più legata alle fonti rinnovabili, capaci oggi di coprire il 41,8% dell’intera produzione nazionale e il 36% della domanda. A dirlo è il bollettino di Terna, società che gestisce la rete elettrica nazionale, dal quale emerge inoltre che, ad ottobre 2015, la domanda di elettricità è calata dello 0,7% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. In generale, nei primi 10 mesi del 2015 la richiesta di elettricità è cresciuta dell’1,5%.

Più nel dettaglio, Terna comunica che ad ottobre 2015 l’Italia è stata in grado di produrre l’83,4% dell’energia necessaria a soddisfare la richiesta interna, prendendo dall’estero il restante 16,6%. Nonostante le misure volte al risparmio energetico però, nell’ultimo anno il Paese si è reso meno autosufficiente: la produzione nazionale di elettricità è calata dello 0,9%, attestandosi a 21,8 miliardi di kWh.

Un calo che fa emergere la crescente dipendenza dalle fonti rinnovabili che, nei primi dieci mesi dell’anno, hanno perso il contributo di circa 10,5 TWh proveniente dall’idroelettrico. Rispetto a un anno fa, si è così passati dal 45,2% a al 41,8% per la produzione di energia pulita e dal 39,4% al 36% per la copertura della richiesta.

In questo panorama, la crescita dell’8,1% per il fotovoltaico ha garantito 21,8 TWh, raggiungendo quota 9,6% della produzione nazionale e l’8,3% della domanda. L’energia solare rappresenta oggi una quota tra il 22% e il 23% dell’intera produzione nazionale da fonti rinnovabili, con una crescita dovuta più all’efficientamento che alla realizzazione di nuove fonti, calate dell’8%. Crescono invece le fonti per l’eolico, con un positivo +21,3%, e per l’idrico con il + 11,8%. Bene anche il geotermico  (+5,7%), mentre il termico cala del 4,7%.

Tornando all’intero scenario energetico, curioso notare le differenze sul territorio registrate ad ottobre 2015: il 46,20% dell’energia finisce al Nord, il 30,8% al Centro e il 23,0% al Sud.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le offerte luce e gas, scegli la tariffa migliore e risparmia fino a 400€ l’anno sulle tue bollette!

Fornitori energetici

Scopri chi sono gli operatori energetici confrontati su Facile.it.

Fornitori energetici

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore energetico.

Guide Gas e Luce

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy