02 55 55 999 Lun-Sab 9.00-21.00

Elettricità: cosa cambia con la nuova bolletta

pubblicato da il 12 maggio 2016
Elettricità: cosa cambia con la nuova bolletta

L’arrivo del 2016 ha portato con sé un notevole cambiamento per la bolletta energia elettrica e, come ogni piccola rivoluzione, anche in questo caso farà felice qualcuno e scontenterà altri. Voluta dalla AAEGSI - Autorità per l’energia elettrica, il gas e il sistema idrico, la nuova bolletta nasce infatti con l’obiettivo di offrire una lettura semplificata delle voci di spesa e, questa la novità di più difficile interpretazione, una maggiore equità in fatto di costi.
 

Cosa si intende per lettura semplificata delle voci di spesa?

La nuova bolletta segna il taglio netto con il passato, con fatture dalle innumerevoli pagine e diciture illeggibili per la complessità di termini e dimensioni dei caratteri. Con la bolletta energia elettrica 2.0, introdotta con la delibera 501/2014, per leggere le voci di spesa e individuare l’anagrafica interessata è sufficiente un unico foglio, il primo: la disposizione chiara dei dati, l’utilizzo di termini semplici e grafici di rapida lettura consentono di avere subito il quadro della situazione.

  • In alto, da sinistra verso destra, sono indicati: il fornitore di energia elettrica, il mercato prescelto (libero o tutelato), eventuali comunicazioni importanti.
  • Subito sotto, i dati della fornitura: l’indirizzo di fatturazione e le caratteristiche del servizio, dalla tipologia di contratto sottoscritto alla tensione in uso, fino al metodo di pagamento prescelto.
  • Scendendo ancora: numero cliente, codice POD e Codice fiscale necessari all’identificazione della fornitura, seguiti dai dati della fattura come data di emissione e periodo di riferimento, oltre al totale da pagare e la scadenza.
  • Nel terzo blocco vengono esplicitate le singole voci di spesa: un grafico a torta con legenda, caratterizzato da colori ben distinti, offre la sintesi degli importi fatturati.
  • Nell’ultimo riquadro è presente il dettaglio fiscale, con gli importi soggetti a tasse e imposte e il relativo ammontare.
  • I box laterali, rispetto al corpo della bolletta, sono invece dedicati alle comunicazioni rapide al cliente: si va dai numeri utili ai programmi fedeltà.

Nel secondo foglio, invece, il gestore elettrico propone il dettaglio dei consumi fatturati e delle letture, mentre il terzo e l’eventuale quarto foglio sono rispettivamente dedicati alle informazioni per la clientela e al bollettino pre-marcato.

Con la nuova bolletta hai tutte le informazioni più importanti in unico foglio, il primo: troverai dati e grafici spiegati in maniera semplice e chiara.

Cosa si intende per costi più equi?

La nuova bolletta 2.0 porta alla graduale eliminazione della progressività della quota energia, introdotta circa quattro decenni fa per favorire gli utenti più parsimoniosi. Nei dettagli dei consumi, al foglio 2 della fattura, non troviamo più il costo dei Servizi di Rete diviso a scaglioni: i Servizi di Rete, che da soli rappresentano circa il 40% dell’importo della fattura, sono gli stessi per tutti. Rispetto al passato, con la progressività della quota energia, i costi per i Servizi di Rete non aumentano più in proporzione ai kWh consumati, ma sono fissi in base alla potenza impiegata e al punto di prelievo.

  • Senza la progressività della quota energia chi consuma di più, come le famiglie numerose, non viene gravato anche di una maggiore quota per i Servizi di Rete.
  • I costi per il passaggio ad elettrodomestici e sistemi di riscaldamento efficienti, come le pompe di calore, si possono riassorbire più velocemente con il risparmio in bolletta.
     
I costi per i Servizi di Rete diventano indipendenti dai consumi: chi consuma di più non pagherà comunque una quota maggiore.

Quali le altre novità della bolletta elettrica 2.0?

  • In caso di mancato pagamento della bolletta, il gestore deve inviare una raccomandata di “messa in mora” nella quale informa il cliente delle fatture insolute e indica il termine ultimo del pagamento in un periodo variabile tra i 15 e i 20 giorni dalla data di ricevimento della lettera. All’interno della raccomandata, inoltre, il gestore è tenuto ad indicare: modalità di pagamento, il termine previsto per il distacco della fornitura, gli eventuali interessi di mora e l’ammontare del rimborso dovuto per i solleciti.
  • La cancellazione della progressività della quota energia non grava sui redditi più bassi. Il Bonus Elettrico, attualmente previsto per le famiglie con ISEE non superiore a 7.500 euro o 20.000 euro con tre figli a carico, consente un risparmio del 20% ed è già allo studio un ampliamento dello sconto e dei casi di applicazione.
  • Tra le novità della nuova bolletta, inoltre, figura l’integrazione del Canone Rai: il pagamento avviene a rate e nel 2017, quando il sistema sarà a regime, saranno previste 10 rate complessive, 2 a bolletta nei casi di fatturazione bimestrale.

Vota la news:

Valutazione media: 3,5 su 5 (basata su 30 voti)

Offerte confrontate

Confronta le offerte luce e gas, scegli la tariffa migliore e risparmia fino a 400€ l’anno sulle tue bollette!

Fornitori energetici

Scopri chi sono gli operatori energetici confrontati su Facile.it.

Fornitori energetici

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore energetico.

Guide Gas e Luce

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy