02 55 55 999 Lun-Sab 9.00-21.00

Caldaia a condensazione: bene per ambiente e portafogli

pubblicato da il 3 aprile 2016
Caldaia a condensazione: bene per ambiente e portafogli

Tempo di profondi cambiamenti per il riscaldamento domestico che, complici i sempre più severi regolamenti europei in fatto di emissioni, si ammoderna con l’introduzione di nuove tecnologie e con l’utilizzo delle fonti rinnovabili. Una trasformazione che interessa da vicino il nostro Paese dove, nel solo 2015, sono state vendute ben 1 milione di nuove caldaie, con un +4% rispetto all’anno precedente. A dirlo sono i dati diffusi da Mostra Convegno Expocomfort e ANICA - Associazione Nazionale Industrie Caldaie Acciaio, il sodalizio che raggruppa alcune delle più importanti aziende del settore, dai quali emerge chiaramente come anche in Italia si stiano facendo strada le nuove e più efficienti caldaie a condensazione.

Un trend destinato a proseguire nei prossimi anni, grazie soprattutto agli incentivi, che dovrebbe portare al raggiungimento di quota 4 milioni di nuove caldaie installate entro il 2020: circa il 40% dell’intero parco italiano. Per il riscaldamento domestico e non,  si tratta di una maestosa opera di svecchiamento che ha per assolute protagoniste le caldaie a condensazione, divenute ormai lo standard di riferimento per il settore, dopo l’entrata in vigore del regolamento comunitario 813/2013 sull’Ecodesign che fissa i limiti per i nuovi apparecchi a 400 kW.

L’adozione delle nuove caldaie più efficienti, delle termovalvole obbligatorie per gli impianti centralizzati, la crescita del solare termico e, più in generale, delle rinnovabili, rappresentano un investimento a lungo termine per l’Italia e gli italiani.

Quali benefici con le nuove caldaie a condensazione? Innanzitutto, possiamo parlare di vantaggi che si riflettono sia sull’ambiente, sia sul portafogli. Con i costi iniziali per l’acquisto che si sono ridotti rispetto al momento dell’introduzione sul mercato di questi apparecchi, capaci di riutilizzare i fumi generati per la produzione di calore, a trarne maggiori benefici sono soprattutto chi utilizza pannelli radianti per il riscaldamento a basse temperature e chi  ha una vasta superficie da riscaldare. Più in generale però, si può affermare che le caldaie a condensazione possono ridurre i consumi di fino al 20-30% rispetto a quelle di tipo tradizionale, anche se l’isolamento dell’edificio e la manutenzione dell’impianto restano fattori imprescindibili. Dal conto loro, le caldaie a condensazione richiedono una manutenzione ridotta e, grazie alla premiscelazione, abbattono le emissioni di gas nocivi per l’ambiente come gli ossidi di azoto e il monossido di carbonio. Tolti i costi iniziali per l’installazione, al netto degli incentivi, le nuove caldaie a condensazione apportano quindi indubbi benefici per il portafogli, nei costi di gestione, e per l’ambiente, soprattutto quando abbinate a un sistema solare termico per la produzione di acqua sanitaria: il risparmio complessivo in bolletta può arrivare al 50%.

Vota la news:

Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 19 voti)

Offerte confrontate

Confronta le offerte luce e gas, scegli la tariffa migliore e risparmia fino a 400€ l’anno sulle tue bollette!

Fornitori energetici

Scopri chi sono gli operatori energetici confrontati su Facile.it.

Fornitori energetici

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore energetico.

Guide Gas e Luce

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy