02 55 55 999 Lun-Sab 9.00-21.00

Bollette luce e gas: pagamento a rate anche dopo la scadenza

pubblicato da il 5 giugno 2015
Bollette luce e gas: pagamento a rate anche dopo la scadenza

Cambiano le regole in fatto di sospensione dei servizi di luce e gas per morosità del cliente. Complice l’aumento dei casi registrati dal 2012 ad oggi, stimato nel febbraio scorso a un +9%, l’Autorità per l’energia elettrica il gas e il sistema idrico ha introdotto la possibilità del pagamento a rate anche dopo la scadenza delle bollette di luce e gas, allungando così i tempi a disposizione dei clienti morosi per mettersi in regola.

Con la delibera 258/2015/R/com, l’Authority ha stabilito che i clienti in regime di maggior tutela potranno richiedere il pagamento a rate delle bollette entro i 10 giorni successivi data di scadenza riportata in fattura: il termine ultimo per slitta dagli attuali 20 giorni a 30 giorni. Inoltre, tra le novità introdotte con la delibera, figura anche l’obbligo per i gestori della comunicazione di messa in mora per ogni singola fattura non pagata.

In quali casi la possibilità di accesso alla rateizzazione diventa obbligatoria? In base alle norme dell’Authority, il pagamento a rate deve essere offerto dai gestori nei casi di fatturazione a conguaglio o di addebito dei consumi non registrati dal contatore, per malfunzionamento o comunque per cause non imputabili al cliente. A tal proposito, per garantire la massima trasparenza in caso di importi anomali, l’Authority e le Associazioni dei Consumatori sono già al lavoro per definire nuovi obblighi per le comunicazioni tra gestori e cittadini, seguendo un percorso già avviato con successo attraverso la conciliazione gratuita online.

Cosa rischiano i gestori poco chiari con il cliente? Il mancato rispetto delle regole, ora che sono state definite in dettaglio, comporterà la riattivazione della fornitura senza costi aggiuntivi e indennizzi per l’utente finale: 30 euro in caso di sospensione per morosità con omesso invio per raccomandata della comunicazione di costituzione in mora, 20 euro per la sospensione del servizio prima dei tempi stabiliti dalla delibera.

Infine, in attesa del discusso catasto dei clienti morosi, la reiterazione della mora potrà prevedere la possibilità di un aumento del deposito cauzionale e, insieme, la diminuzione del tempi a disposizione per il pagamento delle bollette (non per chi accede al bonus sociale).

Vota la news:

Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 18 voti)

Offerte confrontate

Confronta le offerte luce e gas, scegli la tariffa migliore e risparmia fino a 400€ l’anno sulle tue bollette!

Fornitori energetici

Scopri chi sono gli operatori energetici confrontati su Facile.it.

Fornitori energetici

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore energetico.

Guide Gas e Luce

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy