02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Multe stradali: la notifica arriva anche con posta elettronica certificata

pubblicato da il 16 febbraio 2018
Multe stradali: la notifica arriva anche con posta elettronica certificata

Importante novità per gli automobilisti italiani in vigore dallo scorso 1° febbraio 2018: le multe stradali si devono notificare prioritariamente per posta elettronica certificata (PEC), sempre ammesso che il destinatario della sanzione ne possegga una. La modifica, prevista dal Dl 69/2013, è diventata operativa dopo l'emanazione da parte del Viminale del decreto ministeriale datato 18/12/2017 e pubblicato poi sulla Gazzetta Ufficiale il 16/1/2018.

In pratica il decreto ha stabilito che le multe per violazione del Codice della Strada si devono inviare via posta certificata individuando l'indirizzo PEC del conducente del veicolo nei pubblici elenchi per notificazioni e comunicazioni elettroniche, oppure, nel caso di contestazione immediata della sanzione, chiedendolo direttamente all'interessato. Come detto, qualora l'automobilista non disponga di una valida email PEC, la notifica della multa va inoltrata alla vecchia maniera, tramite le temutissime buste verdi cartacee.

L'email di notifica della sanzione inviata con PEC deve avere come oggetto Atto amministrativo relativo ad una sanzione amministrativa prevista dal codice della strada e contenere in allegato la copia del verbale con tanto di firma digitale, più altre informazioni utili comprese tutte le indicazioni sull'ufficio da cui è partito l'atto. Attenzione: la multa si considera spedita e notificata quando il sistema informatico genera una ricevuta automatica di accettazione e poi quella di avvenuta consegna del messaggio sulla casella PEC del destinatario, a prescindere che quest'ultimo l'abbia letta o meno.

Probabilmente nei primi tempi il nuovo sistema avrà bisogno del necessario periodo di rodaggio prima di entrare pienamente a regime. Di sicuro le multe stradali inoltrate via PEC hanno l'indubbio vantaggio di cancellare le non trascurabili spese di notifica che, con l'invio su supporto cartaceo, erano a carico dell'automobilista sanzionato (e continueranno ad esserlo per coloro che non possiedono un indirizzo di posta elettronica certificata). D'altra parte, però, adesso c'è il serio timore che più di una persona (soprattutto chi non controlla con assiduità il proprio indirizzo PEC) non si accorga di aver ricevuto la multa, rischiando di dover rinunciare allo sconto del 30% per chi paga entro 5 giorni dalla notifica o, peggio ancora, di dover pagare more e interessi.

RC Auto: risparmia fino a 500€ Fai un PREVENTIVO »
Vota la news:
Valutazione media: 3,8 su 5 (basata su 6 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 22/06/2018 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Compagnie assicurative

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

Compagnie assicurative

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Argomenti in evidenza Assicurazioni

Guide alle assicurazioni

Guide Assicurazioni