02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Come funzionano i fondi pensione e chi può richiederli

pubblicato da il 27 agosto 2018
Come funzionano i fondi pensione e chi può richiederli

I fondi pensione rappresentano una forma di previdenza complementare, che consentono, accantonando un capitale negli anni lavorativi, di ottenere una somma che integri l’assegno pensionistico al quale si avrà diritto una volta raggiunti i termini di legge e interrotta la propria attività. È un’opzione facoltativa per assicurarsi di poter mantenere in futuro un tenore di vita adeguato, non sempre garantito dalla sola pensione.

Possono accedere ai fondi pensione diverse categorie di lavoratori, dipendenti e autonomi, ma è necessaria qualche distinzione. I fondi pensione possono essere suddivisi principalmente in due categorie, fondi pensione chiusi e fondi pensione aperti. Quando si parla di fondi pensione chiusi (detti anche negoziali) ci si riferisce ai fondi di categoria, vale a dire a quelle soluzioni di pensione integrativa destinate a lavoratori dipendenti e sottoscritte con la partecipazione dell’impresa in accordo con le organizzazioni sindacali, secondo le norme dello specifico settore. Diversamente, i fondi pensione aperti non sono necessariamente collegati a una determinata categoria lavorativa e possono scegliere di aderirvi anche i lavoratori autonomi.

Sono gestiti da banche, assicurazioni, intermediari finanziari. Vengono fatti rientrare nelle categoria dei fondi pensione anche i PIP (Piani Individuali Pensionistici), che sono più precisamente soluzioni assicurative a carattere finanziario. Ai PIP si aderisce per definizione in forma individuale e sono strumenti accessibili anche a categorie come le casalinghe o gli studenti che desiderino pensare al futuro costruendosi da zero una soluzione pensionistica alternativa. Nel PIP dal 2005 può essere versato anche il TFR, se si decide di non lasciarlo in azienda.

Per quanto riguarda la rendita dei fondi pensione si distinguono due formule, la rendita vitalizia e la rendita reversibile. Nel primo caso, la rendita viene erogata al pensionato finché é in vita, e si interrompe al suo decesso, indipendentemente dalla presenza di altri potenziali beneficiari. La rendita reversibile invece, a fronte di una riduzione dell’importo percepito, continuerà ad essere corrisposta, dopo il decesso del titolare del trattamento, al beneficiario indicato.

Polizze salute: scegli la migliore Confronta le offerte »
Vota la news:
Valutazione media: 3,9 su 5 (basata su 7 voti)

Chiediamo ai nostri utenti di valutare il servizio sulla base della sua accessibilità, funzionalità e semplicità. Il dato riflette le valutazioni date dagli utenti del web, che non necessariamente hanno fruito del servizio valutato. Facile.it non modifica le valutazioni dei singoli e non ne limita l’espressione. Il dato aggiornato è aggiornato al 12/12/2018 00:00

*Insufficiente, **Sufficiente, ***Medio, ****Buono, *****Ottimo

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

Argomenti in evidenza

Scopri tutte le risorse di Facile.it sui temi più importanti e d'attualità del settore assicurativo.

Argomenti in evidenza Assicurazioni

Guide alle assicurazioni

Guide Assicurazioni