Serve assistenza?
02 55 55 111
assicurazioni guide visto per inghilterra quando bisogna farlo
Le 3 cose da sapere:
  1. 1

    Il visto non è necessario se ci si reca in Inghilterra per vacanza

  2. 2

    Il visto può avere una durata diversa a seconda della finalità del viaggio

  3. 3

    L'ottenimento del visto dipende da un punteggio basato su diversi criteri

Polizze Viaggio: prezzi da 2€ al giorno
Polizze Viaggio: prezzi da 2€ al giorno

Sommario

Quando serve il visto per entrare nel Regno Unito

Con l'uscita dall'Unione Europea del Regno Unito, dal 1 ottobre 2021 sono cambiati i regolamenti d'entrata e per accedere nel Paese ormai bisogna essere muniti di passaporto in corso di validità. In alcuni casi può bastare solo questo documento per viaggiare, come per gli italiani che vogliono soggiornarvi per un breve periodo, in altri potrebbe servire anche un visto, a seconda del motivo di visita e dal Paese di provenienza.

Molti Paesi, tra l'altro, hanno accordi speciali con il Regno Unito, come per esempio gli Stati Uniti, per far entrare agevolmente i propri cittadini senza ricorrere a particolari documentazioni e procedure, esattamente com'era prima della Brexit.

Possono stare tranquilli i cittadini europei e svizzeri che intendono effettuare una vacanza, quindi un viaggio esclusivamente turistico per un periodo al di sotto dei sei mesi, perché non hanno bisogno di alcun visto. Chi invece decide di recarsi nel Regno Unito per motivi di studio avrà bisogno di un visto apposito compilando tutte le informazioni relative al corso o alla scuola da frequentare.

Anche chi intende andare a lavorare nel Paese deve avere un visto specifico che cambia a seconda della tipologia del lavoro e alle competenze del lavoratore: il richiedente deve rispondere a determinati requisiti, come per esempio il saper comprendere, scrivere e parlare inglese, per vedere accolta la sua domanda.

Come richiederlo, quanto costa e tempi di rilascio

La procedura, che comprende anche l'invio di tutta la documentazione, può rivelarsi purtroppo anche abbastanza lunga, quindi si consiglia di anticipare il più possibile i tempi per richiedere il visto, anche due mesi prima della partenza. Per motivi di studio si può richiedere fino a sei mesi prima dell'inizio della frequentazione per avere la certezza di riuscire nei tempi.

Per avanzare la domanda per il visto basta collegarsi alsito dell'Ambasciata Britannica e seguire la procedura con i documenti richiesti, che variano a seconda della tipologia scelta e della nazionalità del richiedente. Anche il costo cambia secondo questi criteri, oltre al cambio del momento sterlina-euro, ma si parte da circa 100 euro fino ad arrivare anche a più di 2000 euro, da pagare esclusivamente online prima di inoltrare la domanda.

Per il tempo di consegna ci vogliono circa quattro settimane, ma in alcuni periodi di grande afflusso di richieste ci può volere anche più tempo.

Quanto dura il visto

Per chi è cittadino extraeuropeo il semplice visto turistico standard ha validità di sei mesi, da utilizzare entro tre mesi dal giorno dell'emissione. Vale lo stesso periodo anche per i viaggi di affari, 180 giorni, così come per partecipare a manifestazioni sportive o artistiche, oppure per affidarsi a cure mediche private.

Il visto per finalità di studio nel Regno Unito vale, invece, per la durata di tutto il corso scelto e approvato: per i minori di 16 anni può arrivare addirittura fino a sei anni, mentre per i minori di 18 anni scende fino a un massimo di tre anni.

I criteri per l'accettazione o meno del visto sono basati anche su un punteggio che si concentra sia sulle competenze che sulle risorse finanziarie di chi entra nel Paese. Se ci si laurea nel Regno Unito si ha diritto a un visto per laureati di due anni, finalizzato a cercare e trovare lavoro all'interno del Paese, e per i dottorandi si estende fino a tre anni.

Qualora il visto non possa essere prorogato in loco, bisogna tornare in patria prima della sua scadenza e, in caso, richiedere nuovamente un visto per ritornare nel Regno Unito.

Dal 2024 servirà l'Eta: cos'è e come funziona

L'ETA, acronimo di Electronic Travel Authorisation, è la nuova modalità introdotta per controllare gli ingressi in modo più semplice e con un occhio particolare alla sicurezza. L'Autorizzazione Elettronica di Viaggio ricorda, infatti, molto l'ESTA per gli USA e sostituirà il visto per molti Paesi, anche se non per tutti: numerosi turisti però così avranno l'agevolazione di non dover passare dalle ambasciate o dai consolati e presentare la richiesta per il loro viaggio, magari anche breve, nel Regno Unito.

La domanda per l'ETA infatti è molto più semplice e rapida: si fa comodamente online in pochi minuti e verrà approvata nel giro di qualche giorno. Viene rimandata al mittente tramite mail che dovrà poi solo esporla insieme al passaporto al passaggio del confine.

Per ora si parla solo dei viaggi che riguardano turismo e affari, ma non si esclude l'idea che possa espandersi anche per la frequentazione di corsi brevi o per finalità mediche.

Anche se ancora non si hanno dati certi, l'ETA, in linea con l'Esta degli Stati Uniti, dovrebbe avere validità di due anni, smaltendo l'attuale burocrazia soprattutto verso i cittadini extra europei e garantendo il massimo controllo sulle procedure di sicurezza di chi entra nel territorio del Regno Unito.

Polizze Viaggio: risparmia fino al 20%

Offerte confrontate

Confronta le migliori offerte di assicurazioni on line su Facile.it e risparmia fino a 500€ sulla polizza auto. Bastano 3 minuti!

RC Auto

Confronta più compagnie

Preventivo AUTO

RC Moto

Confronta più compagnie

Preventivo MOTO

Guide alle assicurazioni

pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: cosa sono e come funzionano

Polizze TFM: scopri su Facile.it in cosa consistono e perché possono essere utili per proteggere il flusso di cassa della tua azienda, e mantenerlo al riparo da imprevisti!
pubblicato il 18 gennaio 2024
Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Cosa sono le polizze investimento a capitale garantito

Le polizze investimento a capitale garantito sono degli strumenti finanziari che permettono di recuperare l'investimento fatto inizialmente. Da un lato, sono prodotti meno rischiosi di altri, dall'altro però offrono un rendimento minore.
pubblicato il 18 gennaio 2024
Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Polizza sanitaria per pensionati: come funziona e cosa copre

Sempre più over 65 decidono di affidarsi a una polizza sanitaria per coprire le spese mediche e non solo. Qui troverai una breve spiegazione di come funziona questo prodotto assicurativo e di cosa copre.
pubblicato il 11 gennaio 2024
Cos'è e come funziona la polizza Key Man

Cos'è e come funziona la polizza Key Man

La polizza Key Man è una forma di protezione che le aziende possono adottare per mitigare i rischi derivanti dalla perdita improvvisa di una figura chiave all'interno dell'organizzazione.
pubblicato il 11 gennaio 2024
La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O: cos'è e perché è importante

La polizza D&O, chiamata anche "Polizza per la Responsabilità Civile degli organi di Gestione e Controllo della Società", è un'assicurazione essenziale per proteggere il patrimonio personale degli amministratori, dirigenti e sindaci delle società.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Guida su pensione integrativa e fondo pensione

Se hai intenzione di aprire un fondo pensione e di avere una pensione integrativa ma non hai ancora le idee chiare su condizioni e vantaggi, ecco una guida per risolvere i tuoi dubbi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Investire per i bambini: quali soluzioni puoi scegliere

Molti genitori sono preoccupati per il futuro dei propri figli e desiderano investire per garantire loro una solida base finanziaria. In questa guida, esploreremo alcune opzioni di investimento per i bambini e forniremo consigli su come pianificare la gestione dei risparmi.
pubblicato il 9 gennaio 2024
Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

Deduzione del fondo pensione: quando e come farla

La deduzione fiscale dei fondi pensione consente di risparmiare sulle tasse e allo stesso tempo garantire un futuro finanziario sicuro durante la pensione. Seguendo regole specifiche e massimizzando i contributi deducibili, è possibile ottenere il massimo vantaggio fiscale dai fondi pensione.

Compagnie e intermediari assicurativi

Scopri le informazioni e i prodotti delle compagnie del mercato italiano.

© 2024 Facile.it
Tutti i diritti riservati
Facile.it è un servizio offerto da Facile.it S.p.A. con socio unico • Via Sannio, 3 - 20137 Milano • P.IVA 07902950968

Nel mercato assicurativo i principali metodi di pagamento accettati sono:

Payment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment LogoPayment Logo

Ricorda: nel mercato assicurativo NON è previsto come metodo di pagamento l'utilizzo di ricariche postepay e pagamenti intestati a persone fisiche.

Navigazione sicura:

Navigazione sicuraNavigazione sicura

Il servizio di intermediazione assicurativa di Facile.it è gestito da Facile.it Broker di assicurazioni S.p.A. con socio unico, broker assicurativo regolamentato dall'IVASS ed iscritto al RUI in data 13/02/2014 con numero B000480264 • P.IVA 08007250965 • PEC PEC

Il servizio di mediazione creditizia per i mutui e per il credito al consumo di Facile.it è gestito da Facile.it Mediazione Creditizia S.p.A. con socio unico, iscrizione Elenco Mediatori Creditizi OAM numero M201 • P.IVA 06158600962

Il servizio di comparazione tariffe (luce, gas, ADSL, cellulari, conti e carte) ed i servizi di marketing sono gestiti da Facile.it S.p.A. con socio unico • P.IVA 07902950968