02 55 55 1 Lun-Sab 9.00-21.00

AGCOM mette un freno agli abbonamenti automatici sui cellulari

pubblicato da il 29 gennaio 2015
AGCOM mette un freno agli abbonamenti automatici sui cellulari

Il Far West degli abbonamenti automatici per gli smartphone sta per finire, liberando finalmente l’utente dai servizi a pagamento che, non di rado, a fine mese fanno lievitare le tariffe cellulari dei contratti sottoscritti con i vari operatori. L’AGCOM, secondo quanto anticipato dal quotidiano La Repubblica, sarebbe in procinto di introdurre una serie di norme che prevedono, tra le numerose novità, anche quella sostanziale dell’esplicito consenso del cliente finale all’abbonamento.

Più nello specifico, gli abbonamenti automatici non potranno essere attivati se l’utente non ha inserito il proprio numero di telefono nella pagina web del servizio a pagamento. Questa novità rappresenta un deciso cambiamento rispetto alle attuali procedure che prevedono il semplice clic su un banner pubblicitario o un collegamento ipertestuale per l’attivazione degli abbonamenti.

Attesa da tempo, questa misura fa parte di un pacchetto di norme elaborate dall’AGCOM sulla scia delle recenti sanzioni stabilite a carico dei principali operatori di telefonia mobile. Tra le altre novità in arrivo, infatti, ci sono anche procedure più rapide per il rimborso dei costi sostenuti per i servizi a sovrapprezzo non richiesti esplicitamente. Ciò si deve al fatto che l’attuale Codice di Condotta sui “servizi premium” adottato dagli operatori, anche noto come CASP 3.0, non sarebbe in grado di garantire un’adeguata tutela dell’utente, oltre a tempistiche ragionevoli per il rimborso. Un’altra novità riguarda poi le bollette che dovranno riportare, in maniera trasparente, i costi sostenuti per abbonamenti e sovrapprezzi.

Sempre in tema di telefonia, ulteriori novità riguardano poi il rilascio dei codici migrazione, in caso di cambio operatore, e le disdette dei contratti. Nel pacchetto di norme allo studio dell’AGCOM, infatti, ci sono procedure più snelle per l’individuazione e la lettura dei codici migrazione, oltre alla possibilità di disdire un contratto telefonico anche via e-mail ordinaria, senza la necessità di una casella di posta elettronica certificata o l’invio di una raccomandata.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Scopri le migliori offerte telefonia mobile con o senza smartphone incluso e risparmia su chiamate, sms e internet.

Compagnie telefoniche

Scopri i prodotti e leggi tutte le informazioni sulle principali compagnie di telefonia mobile.

Compagnie telefoniche

Guide alla telefonia

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy