89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Smart&Start: incentivi per le nuove imprese del Sud che puntano sull’innovazione

pubblicato da il 5 dicembre 2013
Smart&Start: incentivi per le nuove imprese del Sud che puntano sull’innovazione

Smart&Start è un interessantissimo bando online promosso da Invitalia e Ministero dello Sviluppo Economico per incentivare le nuove imprese del sud Italia che puntano su innovazione, utilizzo delle tecnologie digitali e valorizzazione dei risultati della ricerca. Partito lo scorso settembre con una dotazione complessiva di ben 190 milioni di euro, prevede due tipi di agevolazioni: “Smart”, che contribuiscono a coprire i costi di gestione sostenuti nei primi anni di attività aziendale, e “Start”, che contribuiscono invece a coprire le spese per l’investimento iniziale. Ebbene, con sommo stupore si è scoperto che a circa tre mesi dall’avvio del bando, sono disponibili ancora decine di milioni di euro a favore di startup intraprendenti e innovative.

Registrandosi sul sito www.smartstart.invitalia.it e accedendo all’area riservata, è infatti tuttora possibile presentare la domanda di ammissione alle agevolazioni. Gli incentivi sono rivolti a società di piccola dimensione, costituite da meno di sei mesi e a team di persone fisiche in possesso di una business idea che dovranno costituire la nuova società dopo l’esito positivo della valutazione istruttoria. Il progetto d’impresa deve essere presentato esclusivamente attraverso una procedura online. È opportuno sottolineare che l’accesso ai fondi non è automatico ma sottoposto a un’attenta valutazione che prevede anche un colloquio con i proponenti.

Sono interessate alle agevolazioni “Smart” le società di piccole dimensioni, costituite da non più di sei mesi in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Sardegna. Le società devono proporre un modello di business innovativo sotto il profilo organizzativo o produttivo, oppure orientato a raggiungere nuovi mercati o a intercettare nuovi fabbisogni, anche sociali e ambientali. Ogni società può ricevere un contributo annuo fino a 50.000 euro, per un ammontare complessivo fino a 200.000 euro in quattro anni.

Viceversa le agevolazioni “Start” prevedono contributi a fondo perduto e servizi di tutoring a sostegno di programmi di investimento. Possono accedervi società di piccoli dimensioni, costituite da non più di sei mesi in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia. Le società devono proporre un piano di impresa nel settore dell’economia digitale, o basato su programmi di investimento per valorizzare economicamente i risultati della ricerca, pubblica e privata. Ogni società può ricevere un contributo fino ad un massimo di 200.000 euro comprensivo dei servizi di tutoring tecnico-gestionale.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Tutte le finanziarie

Guide ai prestiti

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy