02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Prestiti ai privati: +0,3% ad agosto 2015, primo segno positivo dopo 37 mesi

pubblicato da il 17 settembre 2015
Prestiti ai privati: +0,3% ad agosto 2015, primo segno positivo dopo 37 mesi

Buone notizie dal rapporto mensile dell’ABI, Associazione Bancaria Italiana, sui prestiti ai privati: a fine agosto 2015, dopo ben 37 mesi di calo, la variazione annua del totale dei finanziamenti al settore privato e al totale dell'economia (che include anche la pubblica amministrazione) è tornata finalmente a esprimere un segno positivo, rispettivamente con +0,3% e +0,6%. Ma segnali incoraggianti sono emersi da tutte le nuove erogazioni di prestiti bancari.

Per esempio i finanziamenti alle imprese hanno segnato nei primi sette mesi del 2015 un incremento di circa il 16% sul corrispondente periodo dell’anno precedente, e nell’analogo periodo le nuove operazioni di credito al consumo sono aumentate del 24,3%. E se ad agosto 2015 il totale dei finanziamenti in essere a famiglie e imprese ha presentato una variazione pressoché minima (-0,1%) nei confronti di agosto 2014 (ma nettamente meglio rispetto al -4,5% di novembre 2013, quando aveva raggiunto il picco negativo), il dato va comunque considerato il migliore da aprile 2012 a oggi. Merito anche dei tassi di interesse sui prestiti che il mese scorso si sono posizionati in Italia su livelli sempre più bassi: il tasso medio sul totale dei prestiti è infatti risultato pari al 3,36% (era 3,39% a luglio e addirittura 6,18% a fine 2007), mentre il tasso medio sulle nuove operazioni di finanziamento alle imprese si è collocato al 2,06%, il valore più basso da maggio 2010.

Viceversa, a seguito del perdurare della crisi e dei suoi effetti, la rischiosità dei prestiti in Italia è ulteriormente cresciuta, con le sofferenze lorde che a luglio 2015 sono state di oltre 197 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 195,8 miliardi di giugno. Anche le sofferenze nette hanno registrato a luglio un aumento, passando da 84,2 a 84,8 miliardi.

Si tratta comunque di numeri tutto sommato positivi che testimoniano finalmente di una crescita del settore dopo anni di dura crisi. Importante soprattutto che sia tornato il segno + nei prestiti ai privati: segno che gli italiani sono tornati a spendere, seppur con molta prudenza, aiutati anche dall’estrema varietà di prodotti finanziari, quali la cessione del quinto, il consolidamento debitihttp://www.facile.it/prestiti-consolidamento-debiti.html, il prestito delega o il prestito vitalizio ipotecario, che consentono di ottenere il finanziamento più vicino alle proprie esigenze.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Tutte le finanziarie

Guide ai prestiti

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy