02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Prestiti: calano gli importi medi richiesti (-21% in un anno)

pubblicato il 26 ottobre 2015
Prestiti: calano gli importi medi richiesti (-21% in un anno)

Prosegue, nonostante la ripresa della domanda di prestiti personali, la contrazione degli importi richiesti dai privati: secondo l’Osservatorio sul credito al consumo di Prestiti.it (http://www.prestiti.it) e Facile.it (http://www.facile.it/prestiti.html) le cifremedie richieste sono calate ancora del 7% in sei mesi e del 21% in un anno. L’importo medio ammonta a poco più di 10.000 euro, contro i 13.000 di ottobre 2014.

Dall’analisi di circa 40 mila domande di prestito presentate nel periodo compreso tra aprile e settembre 2015 emerge un profilo di richiedente non dissimile da quello della precedente rilevazione: è un uomo – lo è il 72% di tutto il campione esaminato – di 42 anni (uno in più di un anno fa) che vorrebbe ricevere 10.200 euro, da restituire contando su uno stipendio di circa 1.500 euro mensili e in un lasso temporale pari a 64 mesi.  

Capitolo finalità: è sempre il bisogno di ottenere liquidità da gestire in autonomia la motivazione più ricorrente in fase di preventivo, che raccoglie stabilmente il 28% delle richieste. Seguono, a distanza, le due finalità che, nel corso degli ultimi sei mesi, sono cresciute maggiormente: l’acquisto di auto usate (20,4% del totale contro il 18,2% del semestre scorso) e la ristrutturazione di immobili(14,6%, che dopo la leggera flessione del semestre precedente torna ai livelli di un anno fa – trainata da incentivi e bonus offerti dallo Stato). In calo tutte le altre motivazioni più ricorrenti: consolidamento debiti (scelto dal 12,7% del totale), arredamento (7,35%) e acquisto di auto nuova (4,4%).

Si conferma il divario tra uomini e donne, tanto in termini di importo richiesto quanto per lo stipendio a disposizione per restituirlo: non solo le donne ricorrono in misura minore ai finanziamenti personali, ma puntano a somme più basse (9.500 contro 10.600 euro) che vogliono rimborsare contando su uno stipendio di 1.300 euro, contro i 1.600 euro degli uomini. Il 32% del campione femminile punta ad ottenere liquidità, ed è poco interessato alle quattro ruote (15,5% vs 22,7% di richieste di prestito per auto usate).

Il calo degli importi medi richiesti è abbastanza omogeneo su tutto il territorio nazionale, anche se spiccano alcune regioni che hanno visto una contrazione più forte rispetto un anno fa: le somme richieste in Sicilia e Calabria sono scese del 28%, in Sardegna del 25%. In termini generali, gli importi più cospicui sono stati richiesti in Abruzzo (11.900 euro) eTrentino Alto Adige (11.700 euro).

Assoluta uniformità di comportamento per quel che riguarda la durata (oscilla tra 63 e 67 mesi) e per lo stipendio con cui si intende ripagare il finanziamento: in tutte le regioni si aggira tra i 1.400 e i 1.600 euro.

Di seguito il prospetto delle regioni italiane in relazione all’importo medio richiesto, la durata media del prestito, lo stipendio medio dichiarato e l’età:  

Regione

Importo medio richiesto

Durata media in mesi

Stipendio medio dichiarato

Età media

Abruzzo

11.900

67

1.600

43

Basilicata

11.300

63

1.450

40

Calabria

10.500

65

1.450

43

Campania

9.400

63

1.500

42

Emilia Romagna

10.000

64

1.550

40

Friuli Venezia Giulia

10.200

66

1.500

41

Lazio

9.900

64

1.500

43

Liguria

10.500

65

1.600

42

Lombardia

10.500

63

1.600

40

Marche

10.300

64

1.500

43

Molise

9.300

65

1.450

42

Piemonte

10.100

64

1.600

41

Puglia

10.300

65

1.500

43

Sardegna

10.700

67

1.450

42

Sicilia

10.200

64

1.400

43

Toscana

10.600

66

1.550

42

Trentino Alto Adige

11.700

67

1.650

40

Umbria

10.100

65

1.400

42

Valle d'Aosta

9.600

66

1.550

41

Veneto

10.800

66

1.550

41

Italia

10.200

64

1.500

42

 

 

Questo, invece, l’elenco delle finalità dichiarate (sono stati esclusi i preventivi in cui non è stata inserita una motivazione al momento della domanda di prestito):

Finalità

aprile-settembre 2015

Liquidità

28,1%

Auto usate

20,4%

Ristrutturazione casa

14,6%

Consolidamento debiti

12,7%

Arredamento

7,3%

Auto nuove/km0

4,4%

Spese mediche

3,4%

Altro

7,9%

Ufficio Stampa

Andrea Polo - Vittoria Giannuzzi - Federica Tordi

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Tutte le finanziarie

Guide ai prestiti

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy