89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Prestiti Pluriennali INPDAP con cessione del quinto

pubblicato da il 3 marzo 2015
Prestiti Pluriennali INPDAP con cessione del quinto

I dipendenti statali e i pensionati iscritti alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali dell’Inps (evoluzione dell’ente INPDAP, incorporato dall’Inps nel 2011) hanno diritto ad accedere ai cosiddetti prestiti INPDAP: si tratta di finanziamenti pluriennali agevolati, tramite cessione del quinto dello stipendio o della pensione, direttamente tramite l’ente o attraverso finanziarie accreditate. Nel primo caso si parlerà di prestiti pluriennali diretti, mentre nel secondo caso di prestiti pluriennali garantiti.

I prestiti pluriennali diretti sono destinati sia ai lavoratori in attività che ai pensionati. Per accedervi è necessario avere un’anzianità di servizio di almeno quattro anni e quattro anni di contributi versati alla Gestione Unitaria. Si richiede di base un contratto a tempo indeterminato, ma la soluzione è aperta anche a chi ha un contratto di lavoro a tempo determinato di almeno tre anni, per finanziamenti estinguibili nel periodo contrattuale e cedendo il TFR a garanzia del rimborso. È necessario documentare le necessità personali o familiari alla base della richiesta di finanziamento. Da ottobre 2011 è possibile richiedere un prestito anche per acquistare casa per un figlio maggiorenne. Il prestito può durare 5 o 10 anni e viene rimborsato mensilmente tramite cessione del quinto. Il tasso nominale annuo è pari al 3,50%, le spese di amministrazione ammontano allo 0,50%, cui va aggiunto il premio fondo rischi.

I prestiti pluriennali garantiti si rivolgono esclusivamente a dipendenti pubblici in attività, con almeno quattro anni di servizio effettivo, e sono rimborsabili in 5 o 10 anni (a volte meno, sempre e comunque entro la data di pensionamento del lavoratore). Sono erogati tramite cessione del quinto da istituti di credito convenzionati con l’Inps e sono garantiti contro il decesso, il licenziamento e la riduzione della retribuzione del cedente. Sarà necessario allegare alla richiesta un certificato recente di sana e robusta costituzione. Al TAEG proposto dalla finanziaria si aggiungeranno le spese di amministrazione Inps (0,50%) e premi compensativi per il rischio di insolvenza (1,5% a 5 anni, 3% a 10 anni).

Vota la news:

Valutazione media: 3,6 su 5 (basata su 24 voti)

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Tutte le finanziarie

Guide ai prestiti

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy