02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Prestiti in crescita: +20 miliardi per comprare automobili e smartphone

pubblicato da il 19 giugno 2016
Prestiti in crescita: +20 miliardi per comprare automobili e smartphone

Le famiglie italiane sono tornate a chiedere prestiti per comprare automobili, smartphone, tablet, computer, televisori, elettrodomestici, arredamento per la casa e viaggi: in un anno, infatti, i finanziamenti elargiti dalle banche hanno subito un’impennata con una crescita di ben 20 miliardi di euro. Crescita legata soprattutto al comparto del credito al consumo, salito di 21,7 miliardi (+35%), mentre risultano ancora in calo di 4 miliardi i prestiti personali (-2,49%), quelli che si chiedono senza una finalità specifica.

Ma, secondo l'analisi del Centro Studi di Unimpresa, la situazione nel settore prestiti non è completamente rosea: a fronte di nuove richieste di denaro in banca, molte famiglie non riescono a rimborsare regolarmente le vecchie pendenze e hanno accumulato sofferenze per oltre 37 miliardi di euro. Allo stesso modo resta negativo il quadro per le imprese, con i crediti scesi di 21 miliardi e l’unica nota positiva data dai finanziamenti di medio periodo, cresciuti di oltre 16 miliardi (+12%). Complessivamente, negli ultimi 12 mesi i finanziamenti degli istituti al settore privato sono rimasti stabili, ma sono cresciute le sofferenze che ora ammontano a quasi 197 miliardi, e la fetta maggiore di prestiti che non vengono rimborsati regolarmente agli istituti di credito è proprio quella delle imprese con 139 miliardi.

Complessivamente i finanziamenti alle famiglie sono saliti di 20,2 miliardi di euro, da 598,9 miliardi a 619,1 miliardi (+3,38%). Gli italiani hanno approfittato del quadro economico, leggermente in ripresa, per tornare a spendere quasi come ai livelli pre-crisi, grazie pure ai tanti prodotti finanziari, come per esempio i prestiti senza busta paga, che consentono di accedere al credito anche se la situazione personale e familiare non è del tutto stabile. Parallelamente, però, c’è la questione delle rate dei finanziamenti non rimborsati: come dicevamo poc'anzi, la fetta di sofferenze relativa alle famiglie è cresciuta da 35,1 miliardi a 37,3 miliardi (+6,39%) in salita di 2,2 miliardi, mentre per le imprese familiari c’è stato un aumento di 437 milioni: da 15,4 miliardi a 15,8 miliardi (+2,83%). Decisamente troppi per destare preoccupazione.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Tutte le finanziarie

Guide ai prestiti

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy