02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Prestiti alle famiglie nel 2014: la domanda è calata del 2%

pubblicato da il 22 gennaio 2015
Prestiti alle famiglie nel 2014: la domanda è calata del 2%

Se nel 2014 la richiesta di credito da parte delle imprese è aumentata del +7,4%, viceversa la domanda di prestiti alle famiglie, nell’aggregato di prestiti personali e prestiti finalizzati, ha fatto registrare un calo del 2%. Un atteggiamento ancora molto cauto, determinato in gran parte dal quadro congiunturale che in Italia si è mostrato per l’ennesima volta fragile e incerto, e confermato anche dalla progressiva diminuzione dell’importo medio dei finanziamenti richiesti.

Per fortuna, però, il trend degli ultimi mesi è positivo: dopo una serie ininterrotta di 19 rilevazioni mensili che avevano certificato una costante flessione del numero di richieste di prestiti da parte delle famiglie, a ottobre, novembre e dicembre del 2014 le domande sono infatti tornate a crescere rispettivamente del +7,6%, del +5,2% e del +10,6%. Un tiepido raggio di sole che rende meno amaro il saldo annuale negativo e invita a un cauto ottimismo in vista delle prime rilevazioni del 2015.

I dati forniti da EURISC hanno inoltre messo a confronto l’andamento nel 2014 della domanda di prestiti personali e quella di prestiti finalizzati all’acquisto di beni e servizi, con i primi caratterizzati da una seppur lieve crescita del +0,5% e gli altri in ribasso del 4,1% rispetto ai 12 mesi precedenti. Numeri in ogni caso ancora accettabili se confrontati con i dati del 2009, quando la crisi stava cominciando a far sentire i suoi effetti, rispetto ai quali le richieste di prestiti finalizzati hanno fatto registrare una flessione del 17,9% e quelli personali del 15,5%.

Sostanzialmente stabile l’importo medio dei prestiti richiesti, attestatosi lo scorso anno a 7.422 euro (10.749 euro i personali e 4.639 euro i finalizzati) contro i 7.395 euro del 2013 (+0,4%), ma inferiore del -20% se rapportato agli anni pre-crisi. Complessivamente, la classe di importo preferita dagli italiani è risultata essere quella inferiore ai 5.000 euro, che da sola rappresenta il 53,8% del totale. Rispetto al passato si è avuta invece un’inversione di tendenza nella scelta della durata dei piani di rimborso dei finanziamenti: nel 2014 la fascia di durata inferiore a un anno ha fatto segnare un aumento del +4% per una quota pari al 24,9% del totale.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Tutte le finanziarie

Guide ai prestiti

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy