02 55 55 666 Lun-Sab 9.00-21.00

Ristrutturare casa: le detrazioni fiscali

pubblicato il 28 marzo 2012
Ristrutturare casa: le detrazioni fiscali

Spesso chi decide di ristrutturare casa va incontro a un impegno economico non indifferente. Per fortuna oggi grazie alle detrazioni fiscali previste dalla normativa vigente, affrontare le spese per i lavori di ristrutturazione è un po’ più semplice. Chi ristruttura casa o un immobile di proprietà, può richiedere sul totale delle spese sostenute la detrazione d’imposta Irpef pari al 36% nei limiti di 48.000 per unità immobiliare.

Ma quali sono i requisiti necessari per avere diritto alle detrazioni in caso di ristrutturazione?

Si ha diritto alle detrazioni sulle spese di ristrutturazioni edilizia se si è proprietari di un immobile oppure se si è titolari di diritti reali di godimento sull’immobile da ristrutturare (usufrutto e uso) e ci si fa carico delle spese dei lavori. Rientrano nelle categoria degli aventi diritto alle detrazioni anche gli acquirenti di un immobile, nel caso in cui il compromesso sia già stato registrato e solo se il soggetto è stato dichiarato proprietario dell’immobile.

Negli ultimi anni la normativa che disciplina le procedure di ristrutturazione ha subito diverse modifiche, per questo motivo è importante essere aggiornati sulle novità introdotte.

Facciamo il punto sulle più recenti introduzioni in materia:

  • È stato abolito l’obbligo di trasmettere la comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara;
  • È stata ridotta la percentuale della ritenuta d’acconto sui bonifici, dal 10% al 4%. Tutte le banche e le Poste hanno l’obbligo di applicare questa percentuale;
  • Non è più obbligatorio indicare in maniera distinta il costo della manodopera nella fattura emessa dall’impresa che esegue i lavori;
  • È stata introdotta la facoltà per il venditore di un immobile di scegliere se continuare a usufruire delle detrazioni non ancora utilizzate o trasferire il diritto all’acquirente (persona fisica) dell’unità abitativa;
  • È cambiata la modalità di ripartizione delle detrazioni. Dal 1° gennaio 2012 è obbligatorio, per tutti i contribuenti,  ripartire l’importo detraibile in 10 quote annuali;
  • È stata estesa la possibilità di accedere alle agevolazioni fiscali in caso di interventi necessari alla ricostruzione o al ripristino dell’immobile danneggiato a seguito di eventi calamitosi: dovrà essere stato dichiarato lo stato d’emergenza;
  • È possibile godere anche dell’aliquota Iva agevolata del 10%. L’iva al 10% sarà applicabile per le prestazioni di servizi relative agli interventi di recupero edilizio (di manutenzione ordinaria e straordinaria) realizzati sugli immobili destinati ad abitazione privata.

Per avere tutte le informazioni ufficiali su queste agevolazioni fiscali, scarica la Guida ufficiale dell’Agenzia delle Entrate sulle Ristrutturazioni Edilizie.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Scopri le offerte aggiornate delle finanziarie, confronta i prestiti on line e richiedi il finanziamento più adatto alle tue necessità.

Finanziarie

Scopri le informazioni societarie e confronta le offerte delle finanziarie partner di Facile.it.

Tutte le finanziarie

Guide ai prestiti

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy