89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Pay TV, Vivendi guarda a Sky per creare un nuovo colosso europeo

pubblicato da il 10 aprile 2015
Pay TV, Vivendi guarda a Sky per creare un nuovo colosso europeo

Vivendi mette gli occhi su Sky: il colosso francese dell’editoria e delle comunicazioni sarebbe interessata alla Pay TV satellitare, fresca di ristrutturazione dopo l’accorpamento di Sky Italia e Sky Germania con la britannica BSkyB. Secondo le indiscrezioni della stampa estera, che citano fonti vicine alla società guidata da Vincent Bolloré, Vivendi avrebbe messo nel mirino Sky con l’obiettivo di espandere il bacino di utenza della controllata Canal Plus, già attiva in Francia e in altri mercati internazionali.

Se Vivendi avrebbe già smentito la trattativa con Sky, per gli esperti del settore non sarebbero da escludere ulteriori sviluppi. Nelle ultime settimane, infatti, Vivendi si è data molto da fare per rafforzare la propria posizione sui mercati di riferimento, in particolare per Pay TV e contenuti, acquistando il sito web di condivisione video Dailymotion.

Il legame a filo doppio tra le televisioni a pagamento e le telecomunicazioni, oltre ad un futuro sempre più orientato allo streaming on-demand su tecnologia a banda larga, avrebbe convinto Vincent Bolloré ad investire su Sky per la creazione di un colosso europeo delle Pay TV: la recente vendita di GTV Brasile al gruppo spagnolo Telefónica, con l’alleggerimento delle attività sul fronte TLC, la dice lunga sulla strategia di Vivendi per i prossimi anni.

Se le agenzie Reuters e Bloomberg discutono tra loro, a colpi di indiscrezioni e smentite, sul reale interesse di Vivendi per Sky, i veri ostacoli alla trattativa sembrano più concentrarsi sulla questione dei costi. L’attuale valore di mercato di Sky è infatti stimato in circa 17,6 miliardi di sterline, pari a oltre 24 miliardi di euro, ma per l’acquisizione da parte del colosso francese occorre aggiungere nel piatto almeno altri 4 miliardi di euro, tanto serve per appianare il debito accumulato dalla Pay TV.

Tutti gli scenari sono aperti e, guardando alla situazione italiana, Mediaset Premium è spettatore interessato: il recente ingresso di Telefónica tra gli azionisti e l’acquisizione dei diritti di esclusiva per il prossimo triennio della Champions League di calcio non bastano far dormire sogni tranquilli alla Pay TV del digitale terrestre, ancora alla ricerca di un investitore di rango. Il futuro delle Pay TV, infatti, è sempre più nelle mani delle alleanze strategiche, nel settore di internet e telecomunicazioni, ma anche per la capacità economica e organizzativa di offrire contenuti originali ai telespettatori.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le tariffe Pay TV, scegli l'offerta migliore e richiedi l'attivazione on line.

Operatori Pay TV

Scopri le informazioni societarie degli operatori Pay TV, con le offerte disponibili.

Tutte le piattaforme

Guide alla Pay TV