89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Calcio e streaming illegale: AgCom oscura siti su richiesta di Mediaset

pubblicato da il 24 settembre 2015
Calcio e streaming illegale: AgCom oscura siti su richiesta di Mediaset

Le Pay TV italiane si schierano contro i numerosi siti web che propongono lo streaming illegale dei contenuti protetti dai diritti d’autore, in particolare delle partite di calcio del campionato di Serie A. L’ultimo colpo, sollecitato da Mediaset, è stato inferto dall’AgCom - Autorità per le garanzie nelle comunicazioni che ha disposto il blocco degli accessi ai portali Freecalcio.eu, Calcion.in, Liveflash.tv, Liveflashplayer.net, Webtivi.info, Miplayer.net e Supermariohdsports.wix.

Per lo streaming illegale si tratta di un brusco stop, anche se il passato recente dimostra quanto sia difficile ridimensionare un fenomeno di questa portata. Se l’aggiramento dei divieti e la nascita di nuovi portali di streaming illegale mette a rischio i ricchi contratti stipulati dalle Pay TV, queste non sembrano comunque intenzionate a cedere il passo, con Mediaset in prima linea in difesa dei propri interessi.

Già nel 2014, infatti, sempre Mediaset aveva sollecitato l’intervento dell’Agcom per risolvere casi analoghi di violazione dei diritti televisivi, ottenendo sempre un rapido riscontro da parte dell’authority. Nonostante quella che appare come una battaglia contro i mulini a vento,  viste le difficoltà nel contrastare lo streaming illegale, Mediaset si dice comunque soddisfatta della collaborazione in atto con l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni: “Mediaset esprime quindi soddisfazione per le nuove, tempestive misure AgCom che confermano la necessità di tutela contro attività di pura pirateria che nulla hanno a che fare con la libera manifestazione del pensiero - recita una nota ufficiale dell’azienda -. Mediaset si riserva di perseguire anche in sede penale eventuali ulteriori violazioni da parte dei soggetti già segnalati all’Agcom”.

Dietro questa piccola vittoria di Mediaset e della TV legale c’è anche il segno dei tempi che cambiano. Se un tempo, infatti, lo streaming online costituiva un’alternativa “trascurabile” alle Pay TV tradizionali, oggi che il web si è ritagliato una fetta notevole di pubblico con le stesse piattaforme online dei broadcaster, non sembra esserci più spazio per la tolleranza.

Vota la news:

Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 19 voti)

Offerte confrontate

Confronta le tariffe Pay TV, scegli l'offerta migliore e richiedi l'attivazione on line.

Operatori Pay TV

Scopri le informazioni societarie degli operatori Pay TV, con le offerte disponibili.

Tutte le piattaforme

Guide alla Pay TV