89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Modello 730/2015: le detrazioni per i familiari a carico

pubblicato da il 10 marzo 2015
Modello 730/2015: le detrazioni per i familiari a carico

Dal 1 maggio al 7 luglio milioni di italiani dovranno presentare il modello 730/2015 con la novità, per gran parte di essi, di poter usufruire del modulo precompilato dalla Agenzia delle Entrate, a sua volta disponibile dal 15 aprile 2015. In vista della prossima scadenza è quindi opportuno fare chiarezza sulle principali detrazioni fiscali, attraverso cui ottenere significativi benefici in sede di compilazione della dichiarazione dei redditi.

Vediamo insieme quali sono i vantaggi fiscali previsti per chi ha familiari a carico, e come compilare la dichiarazione dei redditi per ottenerli.


Familiari a carico

Sono considerati familiari fiscalmente a carico i membri della famiglia che nel 2014 hanno posseduto un reddito complessivo uguale o inferiore a 2.840,51 euro, al lordo degli oneri deducibili. Possono essere considerati a carico, anche se non conviventi con il contribuente o residenti all’estero, il coniuge non legalmente ed effettivamente separato; i figli, compresi i figli adottivi, affidati o affiliati, indipendentemente dal superamento di determinati limiti di età e dal fatto che siano o meno dediti agli studi o al tirocinio gratuito; altri familiari, a condizione che convivano con il contribuente o che ricevano dallo stesso assegni alimentari non risultanti da provvedimenti dell’Autorità giudiziaria.

Le detrazioni per carichi di famiglia variano in base al reddito: a seconda della situazione reddituale del contribuente le detrazioni per carichi di famiglia possono spettare per intero, solo in parte o non spettare.

Detrazioni per coniuge a carico

La detrazione prevista per il coniuge a carico è pari a:

  • 800,00 euro se il reddito complessivo non supera 15.000,00 euro;
  • 690,00 euro se il reddito complessivo è superiore a 15.000,00 euro ma non a 40.000,00 euro;
  • 690,00 euro se il reddito complessivo è superiore a 40.000,00 euro ma non a 80.000,00 euro.

Le detrazioni descritte ai punti A e C sono teoriche, in quanto la detrazione effettivamente spettante diminuisce all’aumentare del reddito. La detrazione descritta al punto B spetta invece in misura fissa, ma per i contribuenti con un reddito complessivo superiore a 29.000,00 euro e inferiore a 35.200,00 euro la stessa detrazione è aumentata di un importo che varia da 10 euro a 30 euro.


Detrazioni per figli a carico

La detrazione prevista per ciascun figlio a carico è di 950,00 euro. Tale detrazione è sostituita da:

  • 1.220,00 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni;
  • 1.350,00 euro per ciascun figlio con disabilità di età superiore a tre anni;
  • 1.620,00 euro per ciascun figlio con disabilità di età inferiore a tre anni.

Nel caso in cui i figli a carico siano più di tre, le stesse detrazioni sono aumentate di 200,00 euro per ciascun figlio e pertanto risultano pari a:

  • 1.150,00 euro per ciascun figlio di età superiore a tre anni;
  • 1.420,00 euro per ciascun figlio di età inferiore a tre anni;
  • 1.550,00 euro per ciascun figlio con disabilità di età superiore a tre anni;
  • 1.820,00 euro per ciascun figlio con disabilità di età inferiore a tre anni.

Le detrazioni previste per i figli a carico sono teoriche, in quanto la detrazione effettivamente spettante diminuisce all’aumentare del reddito. Se l’altro coniuge manca o non ha riconosciuto i figli naturali e il contribuente non è coniugato o, se coniugato, si è successivamente legalmente ed effettivamente separato, per il primo figlio si ha diritto, se più conveniente, alla detrazione prevista per il coniuge a carico.


Detrazioni per altri familiari a carico

La detrazione prevista per ogni altro familiare a carico è di 750,00 euro.

Ricordiamo che nella categoria “altri familiari a carico” rientrano nello specifico: il coniuge legalmente ed effettivamente separato; i discendenti dei figli; i genitori, compresi quelli adottivi; i generi e le nuore; il suocero e la suocera; i fratelli e le sorelle, anche unilaterali; i nonni e le nonne.


Come compilare il modello 730/2015

La parte relativa ai familiari a carico è posizionata nella pagina iniziale del Modello 730/2015. Come prima cosa, è opportuno consultare con attenzione il riquadro con le varie tipologie di familiare, in modo da barrare le relative caselle nel modo corretto.

Dopo aver selezionato la tipologia di familiare è quindi necessario l’inserimento del codice fiscale del soggetto coinvolto. Poi vanno indicati il numero dei mesi dell’anno durante i quali il familiare è stato a carico, mentre la colonna “%” si riferisce alla percentuale di detrazione. Per esempio, se il genitore fruisce della detrazione per figli a carico nella misura del 100%, deve barrare la casella specifica “detrazione 100% affidamento figli”.

Altre due caselle riguardano invece la possibilità di usufruire di un’ulteriore detrazione di 1.200 euro in presenza di almeno quattro figli a carico, e l’indicazione di eventuali figli in affido preadottivo per i quali, per motivi di riservatezza, non sia stato indicato il codice fiscale all’interno del prospetto dei familiari.

Per ulteriori dettagli sulle detrazioni per i familiari a carico, che possono prevedere l’applicazione di diverse eccezioni e clausole, rimandiamo alla guida completa del Modello 730/2015, disponibile sul sito della Agenzia delle Entrate.

Vota la news:

Valutazione media: 2,3 su 5 (basata su 20 voti)

Lo sapevi che...

Da ora, risparmiare sui tuoi acquisti online è ancora più conveniente con gli imperdibili sconti e promozioni, i migliori codici sconto e le offerte speciali in esclusiva su Facile.it.