02 55 55 1 Lun-Sab 9.00-21.00

Modello 730 precompilato: come funziona, scadenze e vantaggi

pubblicato da il 9 marzo 2015
Modello 730 precompilato: come funziona, scadenze e vantaggi

A partire dal 15 aprile 2015 per circa venti milioni di pensionati, lavoratori dipendenti e assimilati sarà disponibile il modello 730 precompilato: da quest’anno i contribuenti italiani avranno a disposizione la dichiarazione dei redditi già compilata, in tutto o in buona parte.

Per elaborare il 730 precompilato, l’Agenzia delle Entrate ha utilizzato tutte le informazioni disponibili in Anagrafe tributaria, quelle trasmesse dalle banche, dalle assicurazioni e dai sostituti d’imposta, ovvero enti previdenziali e datori di lavoro. Al momento sono state già trasmesse più di 100 milioni di operazioni relative ai premi assicurativi, interessi passivi sui mutui e contributi previdenziali, oltre a quasi 19 milioni di certificazioni uniche.

Ecco le cinque cose da sapere sul nuovo modello 730 precompilato.
 

1) Chi ha diritto al 730 precompilato
 

Pensionati e lavoratori dipendenti (e assimilati) che lo scorso anno hanno presentato il 730 (o hanno inviato solo il CUD) hanno diritto al modello 730 precompilato. Tale diritto è esteso anche a chi nel 2015 non ha più un datore di lavoro che possa effettuare i conguagli. Potrà utilizzare il 730 precompilato anche chi nel 2014 ha usato il modello Unico, pur avendo redditi per i quali era possibile presentare il 730.
Sono invece esclusi in ogni caso i titolari di partita Iva, anche per un solo giorno e senza fatture emesse, con l'unica eccezione dei produttori agricoli in regime di esonero. Niente 730 precompilato anche per chi nel 2014 ha presentato dichiarazioni correttive o integrative per le quali, al 15 aprile, è ancora in corso l'attività di controllo automatizzato.

2) Come si ottiene il 730 precompilato

Dal 15 aprile sarà possibile accedere al proprio modello 730 precompilato solo in versione digitale: non è prevista nessun modulo cartaceo, né tantomeno la possibilità di riceverlo per posta.
Il modello 730 precompilato sarà disponibile in un’apposita sezione del sito dell’Agenzia delle Entrate: per accedervi, è necessario disporre del codice Pin per i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, che può essere richiesto mediante le seguenti modalità:

  • sul sito www.agenziaentrate.gov.it: clicca sulla voce Area Riservata, che si trova in alto a destra, e procedi con la registrazione a Fisconline: riceverai a casa tua entro 15 giorni il codice Pin per accedere al 730 online
  • telefonando al numero 848.800.444
  • presso gli uffici territoriali delle Entrate.

Per i contribuenti che ne fossero in possesso, sarà possibile accedere al modello 730 precompilato sul sito dell’Agenzia delle Entrate anche utilizzando il Pin dispositivo dell’INPS. In alternativa, è possibile delegare il proprio sostituto di imposta disponibile ad effettuare l’assistenza fiscale, un Caf o un professionista abilitato.

3) Cosa contiene il 730 precompilato

La dichiarazione precompilata si basa sulle certificazioni dei sostituti d'imposta per redditi di lavoro dipendente e assimilati, pensioni e compensi per attività occasionali di lavoro autonomo. Il modello, inoltre, contiene le informazioni presenti in Anagrafe tributaria relative a:

  • spese di ristrutturazione edilizia e di risparmio energetico
  • versamenti effettuati con il modello F24
  • compravendite immobiliari
  • contratti di locazione registrati
  • dichiarazione dei redditi dell'anno precedente

Nel nuovo 730 sono disponibili anche i dati trasmessi da altri soggetti, che riguardano alcuni oneri detraibili e deducibili sostenuti dai contribuenti: per quest’anno si tratta di interessi passivi sui mutui, premi assicurativi e contributi previdenziali. Dal 2016 saranno presenti anche le spese sanitarie che danno diritto a deduzioni dal reddito o detrazioni d’imposta e altre spese comuni, come ad esempio le tasse per l’iscrizione all’università.

4) I vantaggi: meno controlli dal fisco

Presentare il 730 precompilato comporterà alcuni vantaggi significativi: non verranno effettuati controlli fiscali per chi presenterà il modello senza effettuare modifiche, direttamente sul sito dell’Agenzia delle Entrate o al sostituto d’imposta.
Più in dettaglio, saranno escluse dai controlli documentali le spese comunicate all’Agenzia dalle compagnie assicurative, dai soggetti che erogano mutui fondiari e agrari e dagli enti previdenziali in materia di premi assicurativi, interessi passivi e contributi previdenziali.
Se il modello 730 precompilato viene invece presentato, con o senza modifiche, al Caf o al professionista abilitato, i controlli documentali verranno effettuati nei confronti di questi ultimi.

5) Le scadenze da ricordare

Dopo essere entrato in possesso del proprio 730 precompilato, dal 1 maggio al 7 luglio 2015 il contribuente può, a seconda dei casi, modificare, integrare o accettare il modello agevolmente e trasmetterlo al Fisco.
Come detto, per quest’anno, il 730 precompilato potrebbe non essere completo: mancano infatti tutte le informazioni non note al fisco in modo diretto, come le spese sanitarie e veterinarie, le tasse scolastiche e universitarie e altre spese detraibili.
Le modifiche possono essere effettuate direttamente dal contribuente, accedendo al sito dell’Agenzia delle Entrate, o delegando il sostituto d’imposta che presta assistenza fiscale, un Caf o un professionista abilitato.
 

Vota la news:

Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 19 voti)

Lo sapevi che...

Da ora, risparmiare sui tuoi acquisti online è ancora più conveniente con gli imperdibili sconti e promozioni, i migliori codici sconto e le offerte speciali in esclusiva su Facile.it.