02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Spese condominiali, si impenna il numero di inquilini morosi

pubblicato da il 10 febbraio 2014
Spese condominiali, si impenna il numero di inquilini morosi

Gli ultimi dati forniti da Confabitare in merito alla situazione dei condomini italiani nell’anno appena trascorso registrano un notevole incremento dei casi di insolvenza. Nel fronteggiare le scadenze mensili un numero sempre maggiore di inquilini decide di rimandare il pagamento delle spese condominiali, mancando così di fornire la propria quota per acqua ed elettricità degli spazi comuni, per lo stipendio del portiere, per la pulizia e il riscaldamento dell’immobile e per la sua manutenzione. Il tutto a danno degli inquilini in regola.

Il picco del fenomeno si è registrato a Bologna, con un +33,8% di ritardi nei pagamenti, seguita da Roma, con un +33% e Napoli, +32,7%. Torino ha segnato nel 2013 un +31,8%, Milano +30%, mentre Catania si attesta al +29,6% e Firenze al +28%. I condomini più virtuosi a Venezia, che pure segna un +19% nei ritardi.

Come spiegare questo fenomeno? In linea di massima la risposta risiede nelle scarse ripercussioni sugli inadempienti rispetto a chi vive in affitto o si trova a pagare un mutuo, situazioni in cui il rischio di sfratto o pignoramento è un chiaro deterrente. Lo stesso vale per le utenze domestiche: l’eventualità della sospensione dei servizi erogati spiega la maggiore attenzione riservata a regolare le bollette.

La situazione, chiaramente insostenibile per chi paga onestamente servizi comuni, dovrebbe però gradualmente sbloccarsi grazie alla riforma condominiale del 18 giugno 2013. Si è stabilito infatti il diritto-dovere dell’amministratore di agire in giudizio entro 6 mesi contro gli inquilini morosi, e di sospendere la fornitura dei servizi comuni a chi non è in regola da più di 6 mesi. Resta da superare la difficoltà legata all’interruzione di servizi non frazionabili. La norma conferma però che tutti i creditori del condominio dovranno rivolgersi dapprima agli inadempienti (l’amministratore potrà lecitamente fornirne i nomi) e solo in seguito rivalersi eventualmente sui condomini in regola.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy