89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Mutui: sospensione rate tra accordi e diffide

pubblicato da il 11 luglio 2015
Mutui: sospensione rate tra accordi e diffide

Nel giro di pochi giorni, due notizie in materia di sospensione delle rate del mutuo. La prima: l’Associazione bancaria italiana (Abi) e oltre dieci associazioni consumeriste hanno stretto un accordo che ha l’obiettivo di permettere la sospensione del pagamento delle rate del mutuo, in caso di calamità naturali, secondo modalità omogenee su tutto il territorio nazionale.

Per questo motivo, i firmatari dell’intesa, che si colloca nell’ambito del programma ‘CREDIamoCI’, avviato con l’obiettivo di rafforzare l’accesso al credito e sostenere le famiglie in difficoltà, hanno scritto una lettera al Dipartimento Nazionale della Protezione Civile per chiedere l’applicazione di criteri standard, in particolare per quanto riguarda la “sospensione dei mutui per gli immobili danneggiati, inagibili o inabitabili; le condizioni e le modalità di accesso al beneficio; il periodo di sospensione; l’informativa obbligatoria delle banche a favore della clientela; e le modalità di calcolo dei costi di sospensione in base a quanto già previsto dal Piano Famiglie”.

L’iniziativa punta a garantire un pari trattamento alle popolazioni colpite dalle calamità, indipendentemente dall’ambito territoriale nel quale si è verificato l’evento, al fine, anche, di ottimizzare gli interventi delle banche e di definire regole chiare per quanto riguarda le modalità di sospensione.

Ed è sempre legata allo stesso tema, e più in particolare al Fondo di garanzia prima casa istituito con la Legge di Stabilità, la seconda notizia che interessa chi ha un mutuo e si trova in difficoltà economiche. Il Fondo, già in vigore, permette di sospendere il versamento della quota capitale delle rate fino a 12 mesi. Tuttavia, secondo la Rete Consumatori Italia, nata dalla fusione di Assoutenti, Casa del Consumatore e Codici, la legge non può trovare piena operatività, in quanto i Ministeri dello Sviluppo economico e dell’Economia non hanno ancora concordato le modalità di attuazione con banche, associazioni dei consumatori e imprese. Perciò, la Rete Consumatori ha inviato ai Ministeri interessati una lettera di diffida con l’obiettivo di accelerare i tempi e, dunque, favorire la piena applicabilità della misura.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy