02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Balconi, terrazzi e aree scoperte di pertinenza esclusi dal calcolo Tari

pubblicato da il 19 novembre 2015
Balconi, terrazzi e aree scoperte di pertinenza esclusi dal calcolo Tari

Cambia il metodo di calcolo ai fini della determinazione della Tari (Tassa sui rifiuti), grazie a una novità introdotta di recente dall’Agenzia delle Entrate. L’iniziativa coinvolge 57 milioni di immobili per i quali la superficie catastale è adesso disponibile nella visura dall’Agenzia delle Entrate stessa. Il dato riguarda gli immobili censiti nelle categorie catastali dei Gruppi A, B, C e permette ai proprietari di case di verificare facilmente se i parametri utilizzati dai Comuni per il calcolo della Tari siano corretti.

Oltre ai dati identificativi dell’immobile, come Comune di ubicazione, sezione urbana, foglio, particella e subalterno, e quelli di classamento (zona censuaria, categoria catastale, classe, consistenza, rendita), nella visura è ora entrata anche la superficie catastale calcolata in base al Dpr 138/1998 ed è riportata, per i soli immobili a destinazione abitativa, anche la superficie ai fini del calcolo della Tari che non tiene più conto di balconi, terrazzi e altre aree scoperte di pertinenza.

In questo modo, i proprietari di case possono individuare le incongruenze tra la planimetria risultante negli atti catastali e la superficie calcolata, ed eventualmente segnalare gli errori attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Restano esclusi dalla novità alcuni immobili (il numero è limitato) che presentano dati di superficie incongruenti. Si tratta di immobili che non dispongono né di planimetria né dei dati relativi alla superficie. I proprietari di questi immobili possono presentare una dichiarazione di aggiornamento catastale tramite procedura Docfa (Documenti Catasto Fabbricati) per l’inserimento negli atti della planimetria catastale. Un adempimento necessario in quanto “la conformità allo stato di fatto dei dati catastali e delle planimetrie”, prevista dall’art. 19, comma 14 del decreto legge 78/2010, è indispensabile quando si vuole vendere l’abitazione.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy