02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Sale l'Euribor: rate più alte del 5-7%

pubblicato il 6 luglio 2011

Le notizie sull'Euribor continuano a parlare di rialzi, il tasso di riferimento dei mutui variabili viaggia ormai ai massimi da oltre due anni. Anche gli ultimi dati confermano questa tendenza, infatti a fine giugno 2011 il tasso interbancario a 3 mesi valeva ieri l'1,54% un dato che non si vedeva da marzo 2009.

La crescita dell’Euribor  si ripercuote con effetti negativi su chi ha sottoscritto un mutuo a tasso variabile, per questi mutuatari ci sarà un aumento della rata tra il 5 e il 7% rispetto all’anno passato. A influenzare l’andamento dell’Euribor sono state le decisioni prese dalla Banca Centrale Europea nei primi mesi dell’anno, ma ora le previsioni degli analisti sull’andamento del mercato fanno sperare in un miglioramento della situazione. I rendimenti impliciti dei contratti future sulla scadenza a 3 mesi proiettano i tassi interbancari all'1,72% a settembre, all'1,86% a dicembre e al 2,17% a fine 2012. Valori inferiori di 40-70 punti base rispetto a quelli che si prevedevano a marzo, quando la Bce sembrava avviata verso un ciclo di strette monetarie. Se le indicazioni provenienti dai mercati dovessero trovare conferme, l'aumento delle rate nell'arco dei prossimi 12 mesi potrebbe essere circoscritto al 4-5%.

Nonostante i rialzi dell’Euribor in Italia le erogazioni dei mutui online e tradizionali sembrano essere positive come la propensione delle famiglie italiane a voler sottoscrivere un mutuo. Questi i trend principali emersi dall’ultima analisi sui mutui di Nomisma.

Secondo l’indagine nell’ultimo anno il 9,7% delle famiglie ha un nuovo mutuo, circa 457.000 nuove erogazioni ha ottenuto un nuovo mutuo. Se si considerano anche i mutui che sono stati sostituiti, rinegoziati o surrogati l'aumento congiunturale rispetto alla precedente indagine è del 5% a dimostrazione della vivacità del mercato. Il 75,4% delle famiglie, inoltre, ha dichiarato di voler ottenere un mutuo prima casa nei prossimi 12 mesi, un aumento importante rispetto alle famiglie che avevano sostenuto di pensare a un mutuo per l'anno appena passato (circa il 50%).

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy