89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Mutui: perché il tasso variabile conviene

pubblicato da il 16 novembre 2012
Mutui: perché il tasso variabile conviene

Nell’eventualità si riesca a ottenere un mutuo, quale tasso d’interesse scegliere oggi? L’Ufficio Studi Tecnocasa/Kiron non ha dubbi: meglio il variabile. È quanto emerge dall’ultima rilevazione sull’andamento del mercato dei mutui nel secondo trimestre del 2012, nel quale vengono anche illustrate le dinamiche economico-finanziarie nell’area euro, responsabili delle oscillazioni dell’Euribor, il tasso di riferimento per i mutui ipotecari a formula variabile, e dell’Eurirs, l’indice che determina il tasso di interesse fisso.

A indirizzare le preferenze verso i mutui a tasso variabile sono i valori dell’Euribor (3 mesi) che, in seguito ai tagli operati dalla Banca centrale europea nei mesi scorsi, nel tentativo di rilanciare l’economia del Vecchio Continente, ha percorso una parabola discendente sino a raggiugere minimi storici come lo 0,21% registrato nell’ottobre scorso. L’Eurirs (20 anni), dal canto suo, nonostante i ribassi che lo hanno accompagnato sino al passato giugno, quando valeva il 2,13%, ha segnato negli ultimi quattro mesi un lieve rialzo, toccando il 2,35% medio nell’ottobre 2012.

Su queste basi, la rilevazione di Kiron ipotizza che se oggi si sottoscrivesse un nuovo mutuo ipotecario a 20 anni, del valore di 120mila euro, a uno spread medio indicativo di mercato pari a 3,30 punti base, il tasso fisso comporterebbe una rata mensile di 836 euro contro i 697 euro che si pagherebbero per un finanziamento a tasso variabile, con un risparmio di 139 euro mensili.

Ma come orientare le scelte per i prossimi mesi? “Osservando l’andamento dei futures sull’Euribor – spiega Renato Landoni, presidente Kiron Partner, Gruppo Tecnocasa – sino a marzo si può stimare che il variabile continuerà sicuramente ad essere il tasso più vantaggioso. Difficile prevedere cosa succederà dopo. Tuttavia il consiglio è quello di scegliere comunque il variabile. Perché, anche se la situazione dovesse cambiare, il titolare di un mutuo ha sempre la possibilità di rivedere il tasso ed eventualmente passare a quello fisso”.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy