02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Mutui: volano le surroghe, il tasso fisso fa i conti con la volatilità dei mercati

pubblicato da il 26 giugno 2015
Mutui: volano le surroghe, il tasso fisso fa i conti con la volatilità dei mercati

Non si arresta la corsa alle surroghe che, a quanto riporta la 38ª edizione dell’Osservatorio sul Credito al Dettaglio, realizzato da Assofin, Crif e Prometeia, dopo aver registrato un incremento del 319,3% nel 2014 sull’anno precedente, hanno segnato nel primo trimestre del 2015 un’ulteriore crescita del 710,7%, trainando di fatto il mercato dei mutui con una quota del 20% delle nuove erogazioni nei primi tre mesi dell’anno.

La surroga mutuo è lo strumento che permette di trasferire un mutuo dalla banca che l’ha erogato in origine a un’altra che propone condizioni migliori. Il più delle volte, a ricorrere alla surroga, è chi ha acceso un finanziamento ipotecario a tasso fisso, formula preferita da una clientela poco propensa al rischio e che, così, si assicura una rata costante per tutta la durata del mutuo. Durata che ha un orizzonte temporale importante e che varia mediamente dai 20 sino ai 30 anni, e a volte anche di più.

Sempre nel primo trimestre di quest’anno si è inoltre assistito a un ritorno del tasso fisso, che, con un’incidenza del 27% sul totale delle erogazioni, ha raddoppiato rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, spinto soprattutto dai valori dell’Eurirs, il parametro al quale è legato, che ad aprile ha toccato minimi storici impensabili solo sino a qualche mese fa.

Tuttavia, mentre chi ha stipulato un mutuo a tasso fisso tra aprile e maggio ha ottenuto condizioni forse irripetibili, le famiglie che stanno per accederne uno non potranno beneficiare delle stesse, favorevoli, condizioni perché, dallo 0,7% di aprile, l’Eurirs a 20 anni, in giugno, è risalito repentinamente su valori che si attestano intorno all’1,7%. Questo è successo perché l’Eurirs è legato ai titoli tedeschi (bund), tradizionalmente stabili, che nelle ultime settimane hanno invece registrato un rialzo dei rendimenti, con ripercussioni immediate sui tassi d’interesse finali praticati dalle banche, e che si determinano sommando lo spread bancario al valore dell’Eurirs.

Sicuramente chi ha stipulato il mutuo due mesi fa ha fatto un ottimo affare. Chi invece è in procinto di accenderlo deve fare attenzione perché, proprio a causa delle fluttuazioni dei mercati, diventa determinante il lasso di tempo che intercorre tra l’avvio della pratica e la firma finale, che in genere si aggira sui 2-3 mesi. Gli istituti di credito possono variare anche quotidianamente il valore dei tassi in base all’andamento dell’Eurirs. Risultato: chi oggi firma il contratto di un mutuo a tasso fisso dovrà pagare una rata sensibilmente più alta rispetto all’importo ipotizzato ad inizio istruttoria. Ed è per questo che, secondo gli esperti, chi è orientato al tasso fisso deve tenere conto di tutte queste variabili per non incorrere in sgradevoli sorprese.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy