02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Mutui: erogazioni in crescita mentre il tasso fisso supera il variabile

pubblicato da il 17 aprile 2015
Mutui: erogazioni in crescita mentre il tasso fisso supera il variabile

Ancora in aumento le nuove erogazioni di mutui per l’acquisto della casa che, secondo il Rapporto mensile dell’Abi (Associazione bancaria italiana) di aprile, nel trimestre dicembre 2014 – febbraio 2015, hanno registrano un incremento annuo  del +42,4% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Merito, secondo gli esperti, del Quantitive easing voluto dalla Banca Centrale Europea, che ha immesso nuova liquidità nel circuito bancario con l’obiettivo di favorire la ripresa del credito alle famiglie, ma anche degli spread bancari ancora in discesa e che si prevede resteranno favorevoli per tutto l’anno in corso, grazie all’Euribor e all’Eurirs che si manterranno ancora su valori bassi, rendendo particolarmente conveniente il costo dei mutui.

Le banche, dal canto loro, sono tornate a proporre ai consumatori offerte differenziate e competitive che, oltre a dare impulso al settore delle surroghe, permette ai potenziali mutuatari di scegliere il finanziamento più conveniente anche in base alla liquidità delle famiglie. Sono infatti diversi gli istituti bancari che propongono spread tanto più bassi quanto più è alto l’importo che i clienti possono mettere sul piatto (il cosiddetto loan to value) per l’acquisto di un immobile. Come nel caso, ad esempio, di Unicredit che, con Mutuo Valore Italia, propone uno spread dell’1,50% per finanziamenti a tasso variabile se l’importo del mutuo non supera il 50% del valore dell’abitazione.

Novità anche sul fronte dei tassi: dopo anni di dominio incontrastato del variabile, nei primi tre mesi del 2015, i mutui a tasso fisso (52,5%) hanno superato quelli a tasso variabile (43,9%), benché il valore dei primi sia circa il doppio dei secondi. Una tendenza che si pensa sia dovuta principalmente al fenomeno dei mutui per surroga, che rappresentano oltre il 62% dell’attuale mercato dei mutui, e che riguardano soprattutto finanziamenti a tasso fisso stipulati qualche anno fa e che vengono sostituiti oggi da mutui sempre a tasso fisso più convenienti, ma non solo. Sulla scelta influirebbe anche la voglia di tranquillità da parte dei mutuatari che preferiscono, ora che l’Eurirs (l’indice al quale si aggancia il fisso) è ai minimi storici, spuntare oggi condizioni forse irripetibili in futuro e che rimarranno tali per tutta la durata del mutuo, al riparo dalle oscillazioni al rialzo dei tassi variabili (che si ripercuoterebbero sull’ammontare delle rate) da non escludere se si pensa alla durata pluriennale di questa tipologia di prestito.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy