89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Mutui, più trasparenza con la nuova normativa Ue

pubblicato da il 12 settembre 2013
Mutui, più trasparenza con la nuova normativa Ue

Maggiori informazioni, più tempo per decidere e norme più stringenti per valutare il merito creditizio del cliente. Questi alcuni dei punti focali della nuova normativa europea in materia di mutui, varata per offrire più tutele ai consumatori e, al tempo stesso, accrescere la concorrenza tra le banche che, d’ora in poi, avranno la possibilità di accedere attraverso il cosiddetto regime di “pass-porting” a un mercato unico di 500 milioni di potenziali acquirenti e che vale oltre il 50% del Pil complessivo.

Il provvedimento, che ha ricevuto il via libera dall’assemblea plenaria di Bruxelles, e che sarà convertito a breve in legge, prevede l’obbligo per le banche di fornire informazioni migliori nella fase che precede la stipula del contratto di mutuo, in modo da offrire al cliente la possibilità di valutare il prodotto più adeguato alle sue esigenze e di conoscere le possibili conseguenze finanziarie nel lungo termine.

Per questo motivo, le banche dovranno consegnare un modulo standard (Esis) che avvisa sui rischi legati alle possibili oscillazioni dei tassi, comprendendo gli scenari peggiori, relativamente agli interessi variabili e prestiti in valuta estera. I richiedenti avranno inoltre il diritto di usufruire di un periodo di riflessione e/o di recesso di sette giorni. Verranno inoltre introdotte norme, valide in tutta l’area Ue, per la valutazione del merito creditizio del cliente.

Per quanto riguarda l’eventuale estinzione anticipata, non si dovrà più pagare la penale (in Italia già avviene per la Legge Bersani) ma viene lasciata la facoltà ai singoli Stati dell’Unione di introdurre per i creditori un equo compenso a rimborso dei costi collegati “direttamente ed esclusivamente” all’estinzione anticipata.

Infine, in caso di gravi difficoltà nel pagamento delle rate, il legislatore chiede la massima tolleranza da parte delle banche, invitandole a considerare il pignoramento dell’immobile ipotecato solo come ultima “ratio”.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy