02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Il momento è buono per compare casa, ecco come richiedere un mutuo

pubblicato da il 7 maggio 2015
Il momento è buono per compare casa, ecco come richiedere un mutuo

Ancora buone notizie sul fronte mutui che, secondo i dati pubblicati dall’Abi il 4 maggio scorso, nel primo trimestre di quest’anno sono cresciuti del 50% rispetto ai primi tre mesi dell’anno precedente. Nel periodo rilevato, le erogazioni di nuovi mutui hanno raggiunto quota 7,897 miliardi di euro a fronte dei 5,250 miliardi del primo trimestre 2014 e ai 4,337 del 2013. Sul fronte dei tassi, quello variabile è stato pari al 66,7% delle nuove erogazioni totali, ma con il fisso in forte recupero con una quota del 35%.

La ripresa è favorita anche dagli attuali tassi particolarmente convenienti con l’Euribor (per il tasso variabile) e l’Eurirs (per il fisso) ai minimi storici, oltre che dalle offerte delle banche che stanno proponendo spread bassi come non si vedeva da tempo. Se a tutto ciò si aggiunge il calo dei prezzi degli immobili registrato negli ultimi anni, il momento risulta particolarmente favorevole per acquistare casa. Resta da vedere se, alla prova dei fatti, anche i meno garantiti dal punto di vista reddituale, come giovani e precari, riusciranno ad avere un mutuo dalla banca.

Ricordiamo che per ottenere un mutuo i requisiti legali sono: essere cittadini italiani o cittadini di Stati membri dell’Unione europea o, ancora, extracomunitari ma con regolare residenza in Italia e avere compiuto i 18 anni (l’età massima può invece variare da banca a banca). È necessario inoltre dimostrare di avere l’adeguata capacità di rimborso che, generalmente, vuol dire accollarsi una rata non superiore a un terzo del reddito mensile. La banca, una volta valutati questi elementi e la storia creditizia del richiedente, decide se erogare il finanziamento oppure no.

Da tenere inoltre presente che, in questi ultimi anni, sono stati approntati alcuni strumenti che hanno l’obiettivo di favorire la concessione del credito anche a chi, causa crisi, si è trovato in difficoltà economica. In particolare se si tratta dell’acquisto dell’abitazione principale, ovvero quella dove si ha la residenza. È il caso ad esempio del Fondo di garanzia per l’acquisto della prima casa attraverso il quale lo Stato offre una garanzia della quota capitale per un massimo del 50% del mutuo ipotecario e per un ammontare non superiore a 250mila euro. Lo stesso beneficio si può ottenere oltre che per l’acquisto anche per lavori di ristrutturazione e di miglioramento dell’efficienza energetica dell’immobile che deve comunque essere prima casa.

Prima di sottoscrivere il contratto è consigliabile confrontare le proposte di più istituti di credito per valutare il finanziamento più conveniente. Cosa che si può fare sia recandosi di persona in banca o, più facilmente, utilizzando i diversi siti internet ora online attraverso i quali è possibile ottenere la simulazione di un eventuale mutuo insieme a una lista di offerte bancarie con relativi tassi e rate da pagare.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy