02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Mutui a tasso fisso o a tasso misto, soluzioni a confronto

pubblicato da il 12 luglio 2016
Mutui a tasso fisso o a tasso misto, soluzioni a confronto

Per stabilire l’accessibilità di un finanziamento casa e verificare se le condizioni di rimborso proposte e sono in linea con le entrate mensili di cui si dispone, è possibile calcolare on line preventivamente il costo totale dell’operazione e la somma mensile da versare per gli anni stabiliti. Il calcolo della rata del mutuo consente di confrontare liberamente le diverse offerte sul mercato, e in particolare nel caso di un mutuo a tasso fisso di stabilire con certezza l’importo dovuto ogni mese, invariabile sull’intera durata del rimborso. Discorso simile si può fare per un mutuo a tasso misto, che dopo un periodo prestabilito a tasso fisso consente di passare al tasso variabile se più conveniente, e questo alternativamente, a scadenze prefissate. Chiaramente in questo caso il calcolo della rata del mutuo dà un risultato certo per il periodo iniziale mentre si potrebbero registrare variazioni in futuro in base alle scelte operate dal cliente. Di seguito due esempi tra le proposte attualmente disponibili.

È stata prolungata al 30 settembre 2016 l’offerta Deutsche Bank che vede applicare uno spread promozionale pari allo 0,99% ai mutui a tasso fisso in finalità acquisto prima casa, di importo minimo 50.000 euro e non superiori al 50% del valore dell’immobile, di durata limite 10 anni. Per mutui di durata maggiore o di importo superiore, fino al 70% del valore dell’immobile, lo spread è dell’1,40%. Oltre il 70% del valore dell’immobile lo spread è dell’1,70%.

Per i clienti che desiderano invece lasciare aperta la possibilità di passare al tasso variabile a date prestabilite, Webank propone il mutuo opzione fisso, che ogni 5 anni prevede di poter modificare la scelta fatta. Inizialmente si calcola il tasso sommando il valore dato dall’indice IRS a 5 anni allo spread stabilito dalla banca. In base alla percentuale di immobile finanziata e all’importo richiesto, inferiore o superiore a 100.000 euro, il tasso Webank varia tra l’1,55% e l’1,95%. Nell’eventuale passaggio al tasso variabile gli interessi si calcolano su base Euribor 3 mesi e lo spread resta pari a quanto stabilito alla sottoscrizione. L’offerta attuale è valida per mutui richiesti entro il 31 luglio e stipulati entro il 31 ottobre 2016.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy