89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Mercato immobiliare, piccoli segnali positivi crescono

pubblicato da il 19 settembre 2013
Mercato immobiliare, piccoli segnali positivi crescono

Dopo un biennio da far tremare le vene dei polsi, qualcosa comincia a muoversi nel mercato immobiliare. Non certo una ripresa ma piccoli segnali incoraggianti che, quantomeno, autorizzano a un cautissimo ottimismo. Il che è un bene non solo per chi deve acquistare e per chi vende ma in generale per l’economia italiana, della quale il settore del real estate con tutto l’indotto è uno dei pilastri portanti.

Per la prima volta, da un paio d’anni a questa parte, le richieste di finanziamento per l’acquisto della casa hanno registrato un’inversione di tendenza. Secondo Crif e il suo sistema informativo Eurisc, nel luglio scorso la richiesta di mutui è aumentata del 2% (rispetto a luglio 2012), mentre ad agosto tale percentuale è salita del 4% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Come dire che, almeno un po’, è cresciuta la fiducia dei consumatori ultimamente disincentivati a chiedere prestiti alle banche a causa della congiuntura sfavorevole, dell’incertezza lavorativa e della stretta creditizia.

Un impatto positivo sulle vendite dovrebbe inoltre arrivare dalla messa in circolo di circa cinque miliardi di euro dei quali due erogati alle banche dalla Cassa depositi e prestiti per favorire la concessione alle famiglie di finanziamenti ipotecari, come previsto dal cosiddetto “Decreto del fare bis”; e i restanti da possibili investitori istituzionali. Secondo le stime dell’Ance (Associazione nazionale costruttori edili), un intervento del genere porterà a una crescita del giro d’affari di circa otto miliardi euro; a un aumento di circa 44mila operazioni di compravendita e a 1,3 miliardi di nuovi investimenti nel settore, possibili proprio grazie a una maggiore liquidità delle imprese. Il tutto, naturalmente, a patto che il Governo regga e che il quadro politico-economico si stabilizzi.

Dulcis in fundo: secondo indiscrezioni, alcune banche, nel giro di un mese, potrebbero rivedere al ribasso il loro spread (cioè il loro margine di guadagno) rendendo di fatto i mutui meno costosi e lanciare al contempo nuove promozioni per potenziali mutuatari. Tale beneficio potrebbe in parte essere compensato in negativo dall’aumento degli interessi dei mutui a tasso fisso a seguito della risalita dell’Eurirs (l’indice al quale il tasso fisso è agganciato); mentre una maggiore stabilità, perlomeno da qui alla fine dell’anno, dovrebbe salvaguardare i finanziamenti a tasso variabile parametrati all’Euribor che, benché in lievissimo rialzo, si prevede rimarrà sugli attuali valori per tutto il 2013.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy