89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Il mercato dei mutui lentamente riparte, ma le famiglie sono ancora molto caute

pubblicato da il 4 giugno 2015
Il mercato dei mutui lentamente riparte, ma le famiglie sono ancora molto caute

Compravendite immobiliari e mutui in crescita, mentre migliora la possibilità di accesso delle famiglie all’acquisto di un’abitazione che, a fine 2014, si è attestata al 9%: 2,3 punti percentuali in più rispetto all’anno prima. Le operazioni di acquisto tramite mutuo hanno inoltre segnato lo scorso anno un aumento del 12%. Più in particolare, i rogiti registrati nel 2014 sono stati del 3,5% in più rispetto ai dodici mesi precedenti, anche se, quest’ultimo dato, scremato dagli effetti fiscali dovuti alla modifica dell’imposta di registro entrata in vigore il 1° gennaio 2014, che ha portato a rogitare lo scorso anno acquisti fatti a fine 2013, è stato stimato in un effettivo e più contenuto +0,7%.

L’incoraggiante scenario, dopo anni di stallo, è stato delineato dall’Osservatorio immobiliare 2015, elaborato dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con l’Abi, ed è rafforzato dai più recenti dati diffusi dall’associazione bancaria che, nel Rapporto relativo ai primi quattro mesi di quest’anno, su un campione di 78 banche rappresentative dell’80% del mercato bancario italiano, evidenzia un incremento dell’erogazione di nuovi mutui di oltre il 55% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, per un ammontare delle erogazioni di nuovi mutui che ha toccato quota 11,345 miliardi di euro contro i 7,309 del 2014.

Si tratta di segnali sicuramente positivi, anche se, secondo l’analisi del Crif, il 2014 è stato caratterizzato da una persistente cautela da parte delle famiglie, ancora restie a indebitarsi, come si evince dalla contrazione degli importi medi erogati che, sul fronte dei mutui ipotecari, hanno registrato nel 2014 una flessione del 10%, rispetto al 2013, attestandosi su un importo medio di poco più di 127mila euro. Sempre il Crif, propone anche una prima indicazione tendenziale relativa ai primi tre mesi di quest’anno, quando gli importi medi erogati sono calati di un ulteriore 5%. 

Secondo l’analisi del Crif, infine, gli importi medi più elevati sono stati erogati nel Trentino-Alto Adige, con oltre 201mila euro; in Lombardia (155.663 euro) e nel Lazio con 144.691 euro. Più contenuti gli importi medi erogati al Sud e nelle Isole, al di sotto dei 100mila euro in Sardegna e Calabria.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy