02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Il decreto mutui effettivo dall’inizio di novembre

pubblicato da il 3 novembre 2016
Il decreto mutui effettivo dall’inizio di novembre

E’ entrato in vigore dal 1° novembre il decreto legislativo 72/2016, conosciuto anche come ‘decreto mutui’, che recepisce la direttiva 2014/17/UE e che contiene le nuove regole in materia di compravendite immobiliari e mutui.
    
Tra le principali novità, la ‘clausola anti-insolvenza’ che, in caso di mutuo ipotecario, permette alla banca di vendere subito il bene a prezzi di mercato, dopo 18 rate non pagate, senza dover avviare le procedure per l’espropriazione forzata dell’immobile e della sua vendita tramite asta giudiziaria. Prima di procedere alla messa in vendita, il bene deve essere valutato da un perito ‘super partes’. Il ricavato servirà a ripagare il debito residuo, mentre l’eventuale eccedenza verrà intascata dal mutuatario.

Se, al contrario, la somma ottenuta dalla vendita è minore di quanto ancora dovuto, la banca la incasserà e il mutuatario estinguerà comunque del tutto il debito residuo. Va detto che la ‘clausola anti-insolvenza’ è facoltativa e deve essere accettata dal cliente durante la fase di sottoscrizione del finanziamento. Senza questa clausola, vale la procedura ordinaria secondo la quale dopo sette rate non pagate, la banca può avviare le pratiche per il pignoramento e la successiva messa all’asta. In tal caso, però, i tempi di vendita si allungano e il valore dell’immobile rischia di deprezzarsi di molto.  

Il decreto fissa inoltre alcuni obblighi per le banche (o per l’intermediario): il futuro mutuatario dovrà infatti essere informato in modo chiaro, trasparente e non ingannevole sul contenuto e sulle clausole del contratto proposto. Per farlo deve utilizzare un prospetto informativo europeo standard chiamato Pies. Il cliente ha diritto a sette giorni di tempo per verificare la convenienza del mutuo proposto, confrontandolo con altre offerte  sul mercato.

Prevista infine l’introduzione di misure di sostegno per chi si trova in difficoltà e non può pagare le rate del mutuo. Tra queste, la sospensione delle rate per un certo periodo di tempo, la rinegoziazione dei tassi di interesse e l’allungamento dei piani di ammortamento. Tali misure sono analoghe a quelle già testate in passato in Italia, grazie ad accordi tra banche e associazioni dei consumatori.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy