02 55 55 222 Lun-Sab 9.00-21.00

Mutui ex INPDAP: come funzionano nel 2015

pubblicato da il 4 gennaio 2015
Mutui ex INPDAP: come funzionano nel 2015

Anche per il 2015 l’ex INPDAP, l’Istituto di Previdenza dei Dipendenti Amministrazione Pubblica confluito nell’Inps il 1° gennaio 2012, eroga ai suoi iscritti mutui ipotecari a tassi agevolati per l’acquisto della prima casa. Possono beneficiare dell’opportunità i dipendenti pubblici con contratto di lavoro a tempo indeterminato, i pensionati che versano i contributi da almeno tre anni alla Gestione unitaria autonoma delle prestazioni creditizie e sociali e i loro familiari. Il regolamento, consultabile online sul sito dell’INPDAP (sezione ex INPDAP), precisa però che per accedere all’agevolazione l’iscritto o i componenti del nucleo familiare non devono essere proprietari di un altro immobile su tutto il territorio nazionale, salvo casi particolari e sempre che siano disponibili eventuali risorse finanziarie residue.

L’importo massimo erogabile con i mutui INPDAP non può superare i 300mila euro (o comunque il 100% del valore dell’immobile secondo la perizia) mentre la durata del mutuo può essere di 5, 10, 15, 20, 25 e 30 anni. I finanziamenti possono essere a tasso fisso (pari al 3,75% per tutta la durata del mutuo) oppure variabile. Quest’ultima formula prevede che per il primo anno il tasso sia pari al 3,50% e, con decorrenza dalla terza rata, venga calcolato sull’Euribor a sei mesi rilevato il 30 giugno o il 31 dicembre del semestre precedente. I tassi possono differire da quelli appena menzionati se, in mancanza di risorse, i prestiti vengono erogati da banche o da istituti finanziari convenzionati che praticano comunque agli iscritti dell’Istituto tassi agevolati.

La domanda deve invece essere inviata per via telematica, allegando tutta la documentazione richiesta, dal 1° al 10 gennaio, dal 1° al 10 maggio e dal 1° al 10 settembre.

Oltre ai mutui per l’acquisto della prima casa, nel 2015, gli iscritti in possesso dei requisiti, e che già sono titolari di un mutuo concesso da altre banche, possono infine richiedere la sostituzione del mutuo con quello dell’ex INPDAP purché il finanziamento sia destinato all’acquisto dell’abitazione principale e non alla sua costruzione.

Vota la news:

Valutazione media: 3,0 su 5 (basata su 24 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy