89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Euribor sotto zero, ma per le rate del mutuo non cambia molto

pubblicato da il 23 aprile 2015
Euribor sotto zero, ma per le rate del mutuo non cambia molto

Dopo la scivolata di inizio anno dell’Euribor a un mese sotto lo zero, il 23 aprile anche l’Euribor a tre mesi è sceso sotto la stessa soglia e più precisamente a quota -0,002%. Dato che l’Euribor è il parametro di riferimento che determina l’entità del tasso variabile, verrebbe facilmente da pensare che chi sta rimborsando le rate di un mutuo a tasso variabile potrebbe, per assurdo, essere ‘pagato’ dalla banca per il finanziamento in corso così come, raccontano le cronache, pare sia successo in Spagna e in Danimarca. La cosa, perlomeno per quanto riguarda l’Italia, è però vera solo in teoria.

Prima di tutto perché l’impatto sulle rate sarebbe di qualche centesimo in meno e quindi impercettibile, poi perché le banche non calcolano il tasso sul valore dell’Euribor del giorno precedente ma sulla media del mese o dei due mesi precedenti. Di conseguenza un Euribor in terreno negativo per qualche giorno diventa ininfluente. Infine, ed è questo il dato più significativo, il tasso finale che il mutuatario paga è dato dalla somma dell’Euribor più lo spread della banca, ovvero il suo margine di guadagno, che, per quanto riguarda il tasso variabile, oggi si attesta su valori di poco inferiori al 2%. Se si fanno due conti, si vede perciò che per raggiungere l’azzeramento dello spread bancario, l’Euribor dovrebbe crollare ben di più di qualche millesimo di punto.

In sostanza, ai fini della rata finale poco cambia per i mutuatari che, tuttavia, si stanno dando un grande da fare sul fronte delle surroghe, strumento che permette di trasferire il mutuo da una banca a un’altra spuntando interessi più vantaggiosi. Al tempo stesso, proprio ora che l’Euribor è a livelli impensabili sino a pochi anni fa, sono tornati in auge i mutui a tasso fisso che, grazie a un Eurirs (l’indice omologo dell’Euribor per il fisso) anch’esso a minimi record, garantiscono rate attualmente un po’ più elevate rispetto al variabile ma che rimarranno costanti per tutta la durata temporale del prestito.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy