89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Decreto mutui, ancora pochi giorni per l’approvazione definitiva

pubblicato da il 18 marzo 2016
Decreto mutui, ancora pochi giorni per l’approvazione definitiva

Mancano pochi giorni al 21 marzo, data entro la quale il Governo dovrà approvare in via definitiva il Decreto legislativo sui mutui che recepisce la Direttiva europea 2014/17. Normativa che, nelle intenzioni di Bruxelles, dovrebbe tutelare maggiormente i consumatori. Eppure, in Italia, il Decreto in questione ha sollevato non poche polemiche a causa di un articolo che dava la possibilità alle banche di rientrare del debito vendendo direttamente l’immobile dopo sette rate del mutuo non pagate senza ricorrere alle aste giudiziarie.

Dopo l’alzata di scudi da parte delle associazioni dei consumatori, il Governo ha perciò rivisto il testo inserendo una clausola facoltativa per il mutuatario, e che dovrà essere inserita nel contratto, in base alla quale il titolare del mutuo autorizza la banca alla vendita diretta quando non siano state pagate 18 rate e non più in sette.

Secondo la disciplina sinora in vigore, dopo sette rate non pagate, la banca può rivolgersi a un Giudice e avviare le procedure per il pignoramento e, quindi, per la messa all’asta dell’immobile oggetto del mutuo. In tal caso, però, passano normalmente anni prima di vendere e, nel frattempo, il bene si deprezza.

E’ raro infatti che una casa all’asta venga venduta al primo colpo e, ad ogni asta che va deserta, il prezzo della casa scende. Anche del 40/50% dopo tre o quattro tentativi andati a vuoto. I proventi della vendita possono perciò essere facilmente inferiori all’ammontare che si deve alla banca, con il rischio di rimanere senza casa e con una parte di debito ancora da rimborsare.

Con le norme che saranno approvate entro il 21 marzo, la casa verrà invece messa in vendita al prezzo di mercato, anzi, “al miglior prezzo di realizzo possibile”, dopo una perizia che dovrà essere effettuata da un soggetto superpartes. Se il ricavato sarà maggiore del debito residuo, la differenza potrà essere intascata dal mutuatario. Inoltre, in teoria, la garanzia di rientrare più facilmente delle somme prestate e in tempi più rapidi potrebbe spingere le banche a erogare con più facilità finanziamenti ipotecari.

C’è però un’incognita che riguarda la clausola facoltativa che il mutuatario dovrebbe firmare per autorizzare la banca alla vendita diretta in caso di inadempienza. Il timore è che le banche possano condizionare la concessione del prestito alla firma di tale clausola. Un po’ come è già successo in passato con le polizze abbinate ai mutui.

Oltre a quella obbligatoria scoppio e incendio, non di rado è stata richiesta la polizza vita (che ricordiamo non è obbligatoria), subordinando l’erogazione del prestito alla sottoscrizione di quest’ultimo tipo di assicurazione. Converrà perciò farsi assistere prima di firmare qualsiasi cosa, ricordando anche che le nuove norme riguarderanno solo i nuovi contratti di mutuo e non quelli già in essere.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy