89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Spread in aumento, la scelta migliore rimane il tasso variabile

pubblicato il 11 ottobre 2011

Ormai è più di un mese che sul fronte dei mutui non si sente parlare d’altro: gli spread applicati dalle banche diventano sempre più alti e la paura di pagare una rata troppo cara diventa un pensiero per tanti italiani. Ma cosa sta succedendo esattamente?

Lo spread sui Btp, i titoli dello Stato, è arrivato fin nelle tasche dei consumatori: la catena dei rincari parte, infatti, dall'incertezza sul debito pubblico italiano e dal conseguente allargamento del noto spread sui Btp. I titoli di stato perdono valore e di conseguenza aumentano i costi che gli Istituti di credito devono sostenere per rifornirsi di denaro sul mercato. Questo causa una minore facilità di accesso al credito e possibili maggiori costi, dato che non tutte le banche riescono a fornire prodotti bancari di qualità con la stessa flessibilità e competitività.

Le statistiche relative al mese di ottobre 2011 non sono per nulla confortanti. Lo spread applicato da alcune banche è praticamente raddoppiato dall’1,5% al 3%. Ed è proprio lo spread il punto dolente della questione. La spiegazione è semplice: i tassi degli indici di riferimento, il tasso Eurirs (per i mutui a tasso fisso) e il tasso Euribor (per i mutui a tasso variabile) sono rimasti a livelli bassissimi , mentre a salire è stato solo il tasso finale applicato dalle banche come ricarico, il famigerato spread.

Nel corso degli ultimi tre mesi gli spread sono aumentati mediamente di 10 centesimi sui mutui a tasso variabile e di 30 centesimi sui mutui a tasso fisso. Quest’ultima tipologia di mutuo è da sempre quella più rischiosa per gli Istituti di credito e di conseguenza è quella più colpita dal ricarico delle banche. L’aumento dello spread ha quindi fatto salire la media complessiva dei tassi sui mutui: quelli a rata fissa hanno raggiunto un tasso medio di oltre il 4% contro un decisamente più basso 2,7% di quelli a rata variabile.

Ecco perché per ora risulta più vantaggioso scegliere un mutuo a tasso variabile e vale la pena di cercare le Banche che applicano gli spread minori. Si ricorda che ogni banca decide quale spread applicare ai propri prodotti e le differenze di tasso tra un istituto e l’altro possono superare anche l’1,00%. Confrontare le offerte di mutuo delle diverse banche, pertanto, rimane la soluzione più efficace per continuare a risparmiare.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta in pochi istanti i mutui on line offerti dalle banche e richiedi senza impegno la fattibilità del finanziamento.

Banche

Scopri le informazioni e le offerte di mutuo delle banche partner di Facile.it.

Tutte le banche

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore immobiliare.

Guide ai mutui

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy