89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Misure pneumatici: le dimensioni delle gomme

Scegliere il giusto pneumatico per la tua automobile non è un'operazione così scontata. Districarsi tra le numerose sigle, i modelli e le diverse case costruttrici è obiettivamente complicato, tuttavia sono sufficienti un po' di buona volontà ed alcuni accorgimenti per non incorrere in un errato acquisto.

Ciò che è fondamentale conoscere ancor prima di valutare l'acquisto delle gomme è quali misure di pneumatico sono idonee ad essere montate sui cerchi della vostra vettura. Per verificare questi dati è necessario consultare la carta di circolazione (libretto) della vettura, riportante tutte le caratteristiche tecniche e le omologazioni del veicolo, nonché i dati di immatricolazione e le revisioni effettuate. Nella sezione numero 3 si trovano le informazioni relative alle dimensioni della vettura, ai consumi, al tipo di cambio, alla presenza di accessori omologati e, appunto, alle dimensioni degli pneumatici che possono essere installati sul veicolo. Ogni modello di vettura può montare solo uno o alcuni tipi di pneumatico, a seconda di che tipo di omologazione ha ricevuto al momento del collaudo.

Come interpretare i dati sulla misura degli pneumatici

Ogni pneumatico è identificato da una serie di cifre e lettere, stampigliate sulla spalla esterna della gomma e disposte secondo uno schema universalmente riconosciuto ed adottato da tutte le case costruttrici. Prendiamo ad esempio la sigla 185 55 R 15 82t ed analizziamola pezzo per pezzo.

Le prime tre cifre 185 indicano la larghezza del battistrada dello pneumatico, espresso in millimetri e misurato nel punto più largo possibile. Le successive due cifre 55 servono a determinare l'altezza in millimetri della spalla dello pneumatico, e cioè la misura tra la base del cerchio ruota e la parte più esterna del battistrada a contatto con la terra. Queste due cifre corrispondono al valore espresso in percentuale rispetto alla larghezza della gomma, indicata con le precedenti tre cifre iniziali.

La lettera R sta ad indicare che si tratta di uno pneumatico di tipo radiale, cioè che è stato costruito con tele disposte ad anello, al fine di aumentarne la sicurezza e diminuirne le deformazioni dovute all'utilizzo. Questa lettera può non essere presente nel caso in cui si trattasse di una gomma di tipo convenzionale, ma ormai le gomme radiali rappresentano lo standard adottato da tutte le case produttrici. Le due cifre 15 indicano il valore espresso in pollici del diametro del cerchio su cui dovranno essere montate le gomme.

Nell'ultimo segmento, il valore 82 esprime l'indice di carico, mentre la lettera t è l'indice di velocità, che determina la velocità di percorrenza massima per cui è garantita la sicurezza e la tenuta degli pneumatici. Consulta la guida dedicata per avere maggiori informazioni su indice di carico e indice di velocità.

Fai attenzione a non montare delle gomme che hanno una misura non prevista dal libretto della tua vettura: oltre a viaggiare in condizioni non sicure per te e per i tuoi passeggeri, in caso di controllo delle autorità competenti puoi incorrere in multe molto salate, o addirittura al ritiro della carta di circolazione e quindi non potrai utilizzare il veicolo per un dato periodo di tempo.

Uno dei più importanti da tenere in considerazione nella fase di acquisto di pneumatici nuovi o semi nuovi è sicuramente il DOT, un valore composto da quattro cifre che indica rispettivamente la settimana e l'anno di fabbricazione della gomma. Ad esempio, un DOT 0215 indica che lo pneumatico è stato fabbricato la seconda settimana dell'anno 2015. E' sempre consigliabile non acquistare gomme che abbiano più di 3 anni di vita, in quanto con il trascorrere del tempo la gomma si indurisce, andando quindi incontro alla possibilità di scoppio o foratura.

Vota la guida:

Valutazione media: 3,7 su 5 (basata su 20 voti)

Offerte confrontate

Confronta gli pneumatici dei migliori produttori e scegli le tue nuove gomme.

Guide alle gomme