89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Come si calcolano gli incentivi del nuovo Conto Termico

pubblicato da il 27 luglio 2016
Come si calcolano gli incentivi del nuovo Conto Termico

Il passaggio dal Conto Energia al Conto Termico ha rivoluzionato le modalità di accesso agli incentivi fiscali, spostando l’obiettivo dalla produzione di energia pulita attraverso il fotovoltaico connesso alla rete elettrica, alle più ampio spettro dell’ottenimento dell’efficienza energetica. Attivo dallo scorso 31 maggio, però, il Conto Termico 2016 ha introdotto anche un sistema più complesso per il calcolo degli incentivi.

Per evitare che le risorse a disposizione di utenti privati e pubbliche amministrazioni non vengano sfruttate a dovere, oggi esistono numerosi strumenti a disposizione di chi deve presentare la richiesta di incentivo. Si tratta, in genere, di strumenti che presuppongono già buone conoscenze delle regole dettate dal nuovo Conto Tecnico 2.0 ma che, anche attraverso semplici fogli di calcolo disponibili su Internet, possono agevolare non poco l’accesso ai contributi che, ricordiamo, sono pari a 900 milioni di euro annui, di cui 200 destinati alla PA.

Ecco le percentuali di incentivazione previste dal Conto Termico 2016:

  • Fino al 65% della spesa sostenuta per gli Edifici a energia quasi zero o nZEB;
  • Fino al 40% per gli interventi di isolamento di muri e coperture, per la sostituzione di chiusure finestrate, per l’installazione di schermature solari, l’illuminazione di interni, le tecnologie di building automation, le caldaie a condensazione.
  • Fino al 50% per gli interventi di isolamento termico nelle zone climatiche E/F e fino al 55% nel caso di isolamento termico e sostituzione delle chiusure finestrate, se abbinati ad altro impianto (caldaia a condensazione, pompe di calore, solare termico, ecc.);
  • Fino al 65% per pompe di calore, caldaie e apparecchi a biomassa, sistemi ibridi a pompe di calore e impianti solari termici.
  • Il 100% delle spese per la Diagnosi Energetica e per l’Attestato di Prestazione Energetica (APE) per le PA (e le ESCO che operano per loro conto) e il 50% per i soggetti privati, con le cooperative di abitanti e le cooperative sociali. 

Come si stanno comportando i privati e le PA in questi primi mesi di attivazione del Conto termico 2016? I risultati, stando ai dati del GSE, sono confortanti. Il Gestore comunica che, al 1° luglio 2016, sono pervenute 20.981 richieste di accesso diretto agli incentivi del Conto Termico, per un valore di 76,69 milioni di euro in incentivi. In dettaglio, le domande presentate sono state  681 in più rispetto al mese precedente, con i privati che hanno superato di gran lunga le PA: 61,44 milioni di euro (+2,21 milioni) contro 15,25 milioni di euro (+0,39 milioni).

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta le offerte luce e gas, scegli la tariffa migliore e risparmia fino a 400€ l’anno sulle tue bollette!

Fornitori energetici

Scopri chi sono gli operatori energetici confrontati su Facile.it.

Fornitori energetici

Argomenti in evidenza

Scopri le risorse di Facile.it sugli argomenti più discussi del settore energetico.

Guide Gas e Luce

Ti serve aiuto?

Vuoi trovare l'offerta più adatta a te? Compila il form per essere ricontattato.

Invia
Informativa privacy