89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00
  • Facile.it >
  • Conti >
  • News >
  • L’UE presenta il nuovo piano di garanzia dei depositi, ecco le novità

L’UE presenta il nuovo piano di garanzia dei depositi, ecco le novità

pubblicato da il 27 novembre 2015
L’UE presenta il nuovo piano di garanzia dei depositi, ecco le novità

Sta facendo discutere, in queste ore, l’ultima nuova della Commissione Europea, che ha presentato un progetto di garanzia dei depositi bancari nei Paesi in cui è in vigore l’Euro. Come vi abbiamo raccontato più volte, è da tempo che l’Europa prova a uniformare regole e procedure per la gestione di depositi, debiti e crediti, in maniera tale da rendere tutto più semplice e trasparente per i cittadini europei. Adesso è tempo di creare un unico meccanismo a garanzia dei depositi.

Ormai conosciamo bene l’esistenza del famoso “Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi”, che tutela i depositi dei titolari di un conto corrente fino a 100mila euro. All’Europa, però, questo non basta più: serve un Fondo Europeo (e quindi comune) di garanzia, un corpo superiore di vigilanza.

Ma come verrà istituito questo fondo? Occorrerà passare attraverso tre fasi. La prima è detta fase di “riassicurazione”: avrà luogo dal 2017 al 2019, e in questo lasso di tempo una banca in crisi potrà utilizzare questo nuovo fondo solo una volta esaurite le risorse contenute nel fondo nazionale. La seconda fase è quella di “co-assicurazione”: inizierà nel 2020 e sarà contraddistinta da una prima (e parziale, pari a circa il 20%) responsabilità bancaria solidale dei Paesi dell’UE. Solo nel 2024 arriveremo nella terza fase, di “piena assicurazione”: il fondo europeo sostituirà in modo definitivo i singoli fondi nazionali e sarà l’unica garanzia per i nostri depositi. Il fondo, secondo le prime stime, dovrà essere pari allo 0,8% dei depositi bancari totali, e verrà raccolto da versamenti diretti delle banche (che depositeranno ogni anno, per otto anni, il 12,5% della somma complessiva.

Al di là di questi tecnicismi, è importante vedere come venga confermato il principio per cui le banche debbano essere salvate con i soldi delle banche stesse, evitando salvataggi da parte degli Stati nazionali.

In concomitanza con questa dichiarazione così importante, la Commissione ha dichiarato che a breve arriveranno nuove strategie per regolare la presenza di obbligazioni nazionali nei portafogli bancari, in maniera tale da mettere fine al pericoloso legame tra debiti pubblici e bilanci delle banche.

Vota la news:

Valutazione media: 3,0 su 5 (basata su 20 voti)

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Banche e finanziarie

Su Facile.it puoi confrontare i prodotti delle migliori banche e finanziarie operanti in Italia.

Argomenti in evidenza

Informazioni e dettagli su alcuni degli argomenti più rilevanti nel mondo dei conti.

Guide ai conti