89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Abi invita le banche a proporre conti correnti senza tasse

pubblicato il 4 aprile 2011

Non c’è dubbio che la cosiddetta tassa sul contante, ovvero la commissione richiesta in alcuni casi dalle banche per il prelievo di denaro allo sportello, sia una delle imposizioni più detestate dai correntisti italiani, che hanno già dato voce al loro malcontento attraverso l’Unione Nazionale Consumatori. Le commissioni, che possono raggiungere anche i 3 euro a prelievo, sono giustificate dalle banche con la volontà di ridurre le code agli sportelli e la circolazione di contanti, ma vanno a danneggiare gli utenti poco propensi ad effettuare operazioni economiche on line o comunque tutti coloro i quali preferiscono mantenere un rapporto diretto con il proprio istituto di credito.

La raccomandazione dell’Abi sembra arrivare al momento giusto: l’Associazione bancaria italiana ha invitato infatti le banche a proporre tra le proprie offerte almeno un conto corrente a zero spese, cioè senza alcuna tassa sul contante, apparentemente allo scopo di semplificare la vita dei clienti affezionati al ritiro “fisico” della liquidità.

Movimento Consumatori, tuttavia, ha inteso in senso negativo il monito dell’Abi, che darebbe modo alle banche di annullare le commissioni sui conti correnti più onerosi, caratterizzati da un numero molto alto di movimenti bancari. I clienti che effettuano poche operazioni e che dunque si recano di persona agli sportelli si troverebbero invece nella medesima situazione, continuando a pagare l’odiata tassa sul contante. L’Associazione bancaria italiana non ha specificato infatti quale tipologia di conto andrebbe privata di questa spesa, lasciando ai singoli istituti la facoltà di scegliere dove applicare il taglio. Un provvedimento che, secondo Movimento Consumatori, andrebbe ad intaccare la trasparenza delle banche italiane.

Quel che è certo è che la commissione sul prelievo del contante continua ad apparire una vessazione paradossale ai consumatori del nostro paese, i quali si chiedono per quale motivo debbano pagare una tassa per utilizzare il proprio denaro. Resta da scoprire, quindi, se e in che modo le banche decideranno di mettere in pratica la raccomandazione dell’Abi.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Banche e finanziarie

Su Facile.it puoi confrontare i prodotti delle migliori banche e finanziarie operanti in Italia.

Argomenti in evidenza

Informazioni e dettagli su alcuni degli argomenti più rilevanti nel mondo dei conti.

Guide ai conti