02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Portabilità dei conti correnti: ecco le novità

pubblicato da il 27 marzo 2015
Portabilità dei conti correnti: ecco le novità

La portabilità del conto corrente si fa sprint: è diventato legge il tanto chiacchierato decreto contenente la riforma delle Banche Popolari che, al suo interno, contempla le nuove misure sulla portabilità dei conti correnti. Cosa cambia da oggi?

Le modifiche legislative trasformano il trasferimento del conto corrente da un istituto di credito all’altro in un’operazione automatica, che viene gestita direttamente dalle banche in tempi certi e, soprattutto, brevi. Tutte le spese di trasferimento vengono spostate a carico delle banche interessate, mentre per il cittadino è tutto gratis, anche il trasferimento di titoli e depositi.

Nel dettaglio, la principale novità sta nei tempi ristretti: la banca che il cliente vuole lasciare dovrà, per legge, acconsentire al cambio entro 12 giorni lavorativi dalla richiesta, provvedendo per tempo allo spostamento non solo dei soldi sul conto corrente, ma anche di tutti gli ordini di incasso e pagamento. Cosa che, fino ad oggi, ha rappresentato il principale freno per il cambio. Se le tempistiche previste da questa norma non verranno rispettate partiranno le sanzioni per le banche (e i funzionari) inadempienti: da 5.160 a 64.555 euro, oltre ad un rimborso – automatico e proporzionale in base al ritardo e alle somme trattenute – per i correntisti che hanno subito il disagio. Quale sia, nel dettaglio, il calcolo che determinerà l’importo è ancora da capire, ed occorre attendere che un Decreto Ministeriale lo chiarifichi.

Per passare da una banca all’altra non sarà necessario neppure recarsi nella vecchia filiale per comunicare la propria decisione – col rischio di farsi dissuadere dall’impiegato bancario pronto ad elencare tutte le difficoltà dell’operazione – ma sarà sufficiente comunicare la decisione di chiudere il conto contestualmente all’apertura di quello nuovo. Sarà la nuova banca scelta (magari una di quelle che permette di azzerare anche l’imposta di bollo sul conto corrente) a far firmare i moduli necessari per i passaggi, con il vincolo per la banca presso cui si chiude il conto di comunicare tutte le informazioni necessarie per la gestione dei pagamenti via conto corrente.

Altra interessante novità è che, dalla data di richiesta di trasferimento del conto, vengono bloccate le spese di gestione e, nel caso in cui siano state pagate in anticipo, dovranno essere rimborsate.

Occorrerà aspettare che arrivi giugno per vedere il decreto trasformato in realtà, perché le banche hanno richiesto ed ottenuto del tempo per adeguarsi a queste novità.

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Banche e finanziarie

Su Facile.it puoi confrontare i prodotti delle migliori banche e finanziarie operanti in Italia.

Argomenti in evidenza

Informazioni e dettagli su alcuni degli argomenti più rilevanti nel mondo dei conti.

Guide ai conti