02 55 55 111 Lun-Sab 9.00-21.00

Conti correnti e conti deposito, come calcolare costi e rendimenti

pubblicato da il 26 luglio 2016
Conti correnti e conti deposito, come calcolare costi e rendimenti

Prima di scegliere un conto corrente o un conto deposito è importante capire quali sono i vantaggi e di contro i costi fissi che si è tenuti a sostenere, elementi che possono variare anche in base alle condizioni stabilite dalle singole offerte bancarie.

Scegliere di custodire i risparmi in un conto deposito permette di farli fruttare con un rendimento annuo maggiore rispetto alla semplice giacenza in conto corrente, a fronte di un vincolo a non utilizzarli per un periodo di tempo prestabilito, a partire da 3 mesi ma anche fino a 36. Alla scadenza prefissata il capitale investito viene messo nuovamente a totale disposizione del cliente, insieme agli interessi maturati. Per calcolare la convenienza di un conto è necessario confrontare attentamente le voci di costo e stabilire quale sarà il rendimento al netto dell’imposta di bollo e delle spese accessorie.

Per quanto riguarda le somme in conto corrente, a fronte di una totale libertà di utilizzo delle giacenze bisogna considerare il rendimento pressoché nullo. La convenienza si gioca quindi sulla riduzione dei costi applicati al mantenimento, primo tra tutti il canone annuo, seguito da spese e commissioni per gli strumenti di pagamento e per l’operatività di base. L’imposta di bollo è fissa ed è pari a 34,20 euro l’anno. Diverse offerte, in particolare di banche dirette, oggi consentono di avere conti senza canone e a spese di gestione contenute. Tra gli esempi più noti Conto Corrente Arancio ING Direct, il Conto Corrente Che Banca! di Mediobanca, il Conto Hello! Money di Hello Bank!, gruppo BNL.

Il calcolo del rendimento di un conto deposito parte ovviamente dal tasso creditore offerto, facendo attenzione a stabilirne il valore al netto della tassazione vigente, pari al 26%. Un tasso creditore lordo dell’1% annuo renderà quindi lo 0,74% netto. Nel calcolo dei costi deve rientrare anche l’imposta di bollo sul conto deposito, pari allo 0,20% della giacenza, e le eventuali commissioni per apertura, chiusura, movimenti del conto. Alcune offerte azzerano l’imposta di bollo in forma promozionale, come Conto Facto di Banca Farmafactoring, altre propongono dei bonus di benvenuto in buoni acquisto di diverso valore ai nuovi clienti che aprono il conto corrente e una linea vincolata per un certo numero di mesi.

Vota la news:

Valutazione media: 5,0 su 5 (basata su 19 voti)

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Banche e finanziarie

Su Facile.it puoi confrontare i prodotti delle migliori banche e finanziarie operanti in Italia.

Argomenti in evidenza

Informazioni e dettagli su alcuni degli argomenti più rilevanti nel mondo dei conti.

Guide ai conti