89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Gli italiani preferiscono le carte prepagate

pubblicato il 4 ottobre 2011

Nel 2010 il numero delle carte di credito prepagate è cresciuto del 16,3% rispetto al 2009.

Un riflesso sicuramente della crisi dei consumi, ma anche un atteggiamento diverso degli italiani nei confronti dei finanziamenti: indebitarsi è diventata di nuovo una decisione da ponderare con attenzione, farlo con la carta di credito rateale faceva invece sembrare l’operazione fin troppo a portata di mano.

E' quanto emerge dai dati dell' 'Osservatorio sulle carte di credito elaborato da Assofin, Crif Decision Solution e Gfk Eurisko. "Nel nostro Paese - spiega Sara Galli, research manager Eurisko – in Italia le carte prepagate stanno vivendo un vero e proprio boom, con più di 12 milioni di schede in circolazione. Questa tipologia di carta di credito è diffusa soprattutto tra i giovani compresi in una fascia d'età che va dai 18 ai 24 anni e tra le famiglie con un reddito medio basso, intorno ai 1.050 euro al mese".

Le carte prepagate, richiedibili sia dai possessori di conto corrente sia da chi non ne ha uno, probabilmente trasmettono sicurezza perché hanno un limite di spesa scelto dal titolare e non si può andare oltre la cifra caricata. Il tasso di sofferenza, infatti, delle carte rateali è pari al 7,79% a maggio 2011 (+0,6% rispetto al 2010), contro l’1,96% delle carte a saldo (in calo invece rispetto al 2,54% dell’anno scorso). La diffusione delle carte prepagate nel 2010 cresce del 16,3% (meno comunque del 2009, +29,5%). In rialzo anche i volumi transati, in termini sia di numero di operazioni (+31,4%) sia di valore (+41,6%).

Tra le carte di credito invece si è registrato un decremento del 3,3%, con la diminuzione anche di quelle attive (6,7%). Con riferimento alle carte di credito, il numero di transazioni si è attestato attorno ai 590 milioni di euro e il valore transato globale a quasi 57 miliardi di euro. Il valore medio per transazione è di circa 97 euro, rispetto ai 98 euro del 2009. Questo dato, si sottolinea nell'analisi, conferma un trend che vede crescere le operazioni con importi più contenuti, nella logica di un uso della carta sempre più legato alla quotidianità degli acquisti.

Il mercato delle carte con funzione rateale, si spiega dall'Osservatorio, mostra un'evoluzione delle erogazioni ancora negativa (-5,4% nel 2010 e -1,2% nel primo semestre 2011). I trend più significativi di questo comparto confermano comportamenti improntati alla cautela sia dal lato dell'offerta sia da quello della domanda, con il 75% delle transazioni effettuate nel 2010 risulta attribuibile alle carte multifunzione. Le carte rateali mantengono la maggiore diffusione in Lombardia (14,8%), in Sicilia (11%) e nel Lazio (10,7%). Mentre le carte di credito a saldo continuano ad essere presenti maggiormente in Lombardia (23,1%), Lazio (11,7%) e Veneto (9,6%).

Vota la news:

Valutazione media: 4,0 su 5 (basata su 17 voti)

Offerte confrontate

Confronta gratuitamente i conti delle banche operanti in Italia e trova il conto corrente o il conto deposito più vantaggioso.

Banche e finanziarie

Su Facile.it puoi confrontare i prodotti delle migliori banche e finanziarie operanti in Italia.

Argomenti in evidenza

Informazioni e dettagli su alcuni degli argomenti più rilevanti nel mondo dei conti.

Guide ai conti