89 26 26* Lun-Sab 9.00-21.00

Novità per l’Isee 2016 con le carte prepagate

pubblicato da il 22 febbraio 2016
Novità per l’Isee 2016 con le carte prepagate

Con L’ISEE non si può stare mai tranquilli: poco meno di due anni fa vi avevamo raccontato di tutte le modifiche introdotte per migliorare (e rendere finalmente veritiero) l'Indicatore della situazione economica delle famiglie residenti nel nostro Paese, ma è già tempo di ulteriori novità. Nel 2016, in buona sostanza, sarà ancora più complesso ottemperare a tutti gli adempimenti necessari per ricevere il certificato.

Ricordiamo che l’ISEE è un documento molto importante, che misura lo stato economico di una famiglia: in esso rientrano tutti i redditi, le proprietà immobiliari, le auto e le moto e tutti i rapporti bancari intestati ai membri della famiglia. Si ottiene previa presentazione di una Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), a cui vanno aggiunte tutta la documentazione relativa ai redditi percepiti e quella relativa al proprio patrimonio in banca. Ecco la novità: come sancito dal Decreto Direttoriale n. 363 del 29 dicembre 2015,  dal primo gennaio 2016 vanno recuperati giacenza media e saldo al 31 dicembre precedente non solo dei conti correnti ma anche delle carte prepagate dotate di iban. Parliamo delle cosiddette carte di credito revolving, ormai strumento popolare anche da noi grazie alla loro semplicità di utilizzo, che permette di avere tutti i vantaggi di un conto corrente – consentono di prelevare, ricevere bonifici e stipendio, pagare le bollette, tasse, F24 e pedaggi autostradali – evitando gli oneri più classici (in primis i costi di gestione).

Entro il 31 marzo prossimo, quindi, banche, Poste italiane e ogni altro operatore finanziario avranno l’obbligo di inviare all’Anagrafe dei rapporti finanziari tutte le informazioni relative alle carte prepagate dotate di Iban, che vengono fiscalmente equiparate ai conti correnti: occorre comunicare il saldo di inizio e fine anno, tutti i movimenti in entrata e uscita e la giacenza media mantenuta.

Le giacenze nelle carte prepagate tradizionali, che non dispongono di codice Iban, vanno indicate direttamente nella DSU.

Vota la news:

Valutazione media: 1,0 su 5 (basata su 18 voti)

Offerte confrontate

Confronta online le migliori carte di credito e trova la soluzione che fa per te.

Prodotti

Leggi i dettagli e le caratteristiche dei principali circuiti di pagamento e delle carte più diffuse in Italia. Tutti i prodotti

Argomenti in evidenza

Informazioni e dettagli su alcuni degli argomenti più rilevanti nel mondo delle carte di credito.

Guide alle carte